Sarri: “Il Real è più forte ma la qualificazione è ancora aperta. De Laurentiis era sereno nello spogliatoio. Il responsabile tecnico sono io, se dovrà dirmi qualcosa ho pronte le risposte”

published at 0:17 in COPERTINA, IN EVIDENZA, INTERVISTE
Sarri: “Il Real è più forte ma la qualificazione è ancora aperta. De Laurentiis era sereno nello spogliatoio. Il responsabile tecnico sono io, se dovrà dirmi qualcosa ho pronte le risposte”

Nel corso del programma “Premium Champions”, l’allenatore del Napoli Maurizio Sarri dichiara: “De Laurentiis ha detto che solo Insigne ha avuto la cazzimma? Non sono d’accordo, la squadra ha fatto una buona partita contro i Campioni d’Europa e del Mondo. L’unico appunto che posso fare ai ragazzi è che dal punto di vista tecnico abbiamo sbagliato molto di più del solito. Sbagliare trenta passaggi nella propria metà campo complica ancora di più la partita contro questi attaccanti. Ho visto tutte le gare del Real degli ultimi mesi e loro solitamente creano molte più palle gol di quelle create in questa sfida. Pur non facendo la nostra miglior partita la qualificazione è ancora aperta. Sarà una qualificazione difficilissima perché loro hanno un potenziale offensivo impressionate ma sono convinto che al San Paolo possiamo fargli passare una brutta serata. Ci sta che loro siano più forti di noi tecnicamente ma con la palla nei nostri piedi di solito non sbagliamo così. C’erano delle praterie a volte e non le abbiamo sfruttate. Ma la partita non è stata brutta, loro sono fortissimi ma dal punto di vista tecnico possiamo fare di più. De Laurentiis ha detto che bisogna sperimentare tutti i giocatori della rosa? Il responsabile dal punto di vista tecnico e tattico sono io e quindi se dovrà dirmi delle cose me le dirà in privato. Nello spogliatoio era molto sereno, mi ha detto che mi chiamerà nei prossimi giorni ma era sereno. Quando mi dirà quello che mi dovrà dire gli darò le risposte. Ho tutte le argomentazioni del caso, io non ho capito i riferimenti e quello che voleva dire il presidente. Perché Milik e non Pavoletti? Milik si sta allenando da tempo, non è colpa di nessuno se si è infortunato e ho scelto lui per la panchina perché anche in pochi minuti il numero in area può trovarlo sempre. Se dovevo fare una scelta da 90 minuti avrei portato Pavoletti. Il discorso è tutto qui, anche perché speravamo che in questa sfida non ci fosse bisogno di scelte particolare. In Champions posso portarne 7 in panchina e le scelte sono obbligate da ruoli. Non vedo perché bisogna fare polemica per forza, il Real è più forte di noi e lo sappiamo ma siamo rimasti in partita”

Questo articolo è stato letto 468 volte

You must be logged in to post a comment Login