MADE IN SUD EDIZIONE 2017 E IL NUOVO DISCO DI GIGI D’ALESSIO

ROMA – Gigi  D’Alessio è una macchina da guerra. Dopo la partecipazione alla 67° edizione del Festival di Sanremo, l’ex scugnizzo di Palazzo Amendola ritorna più in forma che mai. Nelle sale della Rai di Roma, l’artista partenopeo ha presentato il suo  nuovo disco, la nuova tournèe e in veste di presentatore della nuova edizione di “Made in Sud” (In onda su Rai2, da mercoledì 8 marzo ore 21.10).  “24-2.1967” è il titolo scelto da D’Alessio per il suo nuovo album di inediti, un lavoro che giunge a due anni dal precedente LP “Malaterra”. L’album uscirà proprio nel giorno del cinquantesimo compleanno di Gigi (il 24 febbraio), che quest’anno festeggia anche i venticinque anni di carriera con venti milioni di dischi venduti e concerti in tutto il mondo. L’artista, infatti, due anni dopo essersi diplomato in pianoforte al conservatorio di Napoli e aver iniziato una carriera da direttore d’orchestra e compositore, pubblicò il suo primo 33giri nel 1992, scegliendo come titolo “Lasciatemi cantare”. Da allora, sono 23 gli album di inediti pubblicati, 20 milioni le copie di dischi venduti e diverse le tournée internazionali che hanno portato la sua musica in tutto il mondo. “24-2-1967” è stato registrato, oltre che con la sua consueta band, con l’ausilio di grandi musicisti internazionali come Michael Thompson alle chitarre (collaboratore tra gli altri di Joe Cocker, Madonna, Michael Bolton),  la sezione fiati dei Tower of Power e gli archi della London Simphony Orchestra negli studi Abbey Road. Il disco include, ovviamente, il brano “La prima stella” presentato da D’Alessio alla 67esima edizione del Festival di Sanremo, anche la versione  e la rivisitazione de “L’immensità” di Don Backy e Johnny Dorelli, che Gigi ha riarrangiato in 5/4, un tempo dispari molto complesso che mette in luce anche le doti di D’Alessio al pianoforte. Sono presenti canzoni d’amore come “T’innamori e poi”, “Emozione senza fine”,“Benvenuto amore”, ma anche altri episodi significativi. A proposito del titolo del suo nuovo lavoro Gigi D’Alessio ha dichiarato: “ho voluto regalare ai miei fans la carta d’identità con tanto di foto e firma originale. Un disco che racchiude i capitoli di una vita. E’ un album che festeggia il mio compleanno ed esprime limpidezza, ma soprattutto luce che cancella tutte le ombre, adatta quindi a un album che racconta nuove emozioni ed esperienze vissute e trasformate in musica”. Un disco fortemente tuo? <<24-2-1967  è un disco passionale, di speranza, della forza dell’amore che prende il sopravvento e lo racconto con un linguaggio diretto verso la gente.  Il dovere di un’artista è immedesimarsi nella condizione della gente, stimolare le coscienze, far riflettere sui fatti e raccontare la storia della vita, esperienze vissute>>. Musicalmente il disco spazia tra sonorità pop italiano,  latine tipiche della sua produzione come il brano “Mi chica bomba” e sfumature rock e funky. Non manca un omaggio alle sue origini con una canzone cantate in lingua napoletana come “Pecchè” .La tournée partirà in estate ed in giro per il mondo. Sarai un punto fermo anche a Made in Sud? <<Finalmente realizzo un desiderio – aggiunge l’artista partenopeo -. Quest’anno mi cimento per la prima volta come presentatore, spero di portare in Rai una ventata di allegria, simpatia e tanti ascolti. “Made in sud” è un programma affermato, ma con il direttore di Rai 2 vogliamo fare ancora meglio. Abbiamo idee nuove che miglioreranno il contenitore del programma. So già che mi divertirò tantissimo. E credo davvero che diventerà una meravigliosa esperienza. Ero ospite del format televisivo. Da oggi divento protagonista dal di dentro.  Si tratta di una trasmissione per famiglie, fatta a Napoli. E fa bene a Napoli. È un momento che ti porta lontano dalla routine, mette buonumore. E con me e con la musica ora avremo un contenuto maggiore. Come accadeva una volta con quei bei varietà che non si fanno più da troppi anni. Ricordo “Senza Rete”, un varietà che ha fatto scuola.  Inviterò tutti gli artisti perché la musica è una. Una soltanto. In che lingua lo devo gridare? Il mio palco è aperto a chiunque. Sembriamo distanti, invece siamo tutti vicinissimi e poi la musica è feeling e contaminazione.  Ci saranno artisti di origine napoletana ed artisti italiani. Penso a Gino Paoli, Fiorella Mannoia, Ermal Meta, Danilo Rea. Saremo come una famiglia. Salgo su un carro già vincitore, io cercherò di metterci del mio per arricchire un programma vincente in partenza>>. A Made in Sud non hai una giuria di qualità? “Torno a cantare e faccio i duetti, tanto qui non c’è nessuna giuria di qualità che può farmi fuori”. Potrei anche fare il comico e qualcun altro canterà. Obiettivo – anche se non dichiarato dal direttore di Raidue, Ilaria Dallatana – è la doppia cifra di share. È uno tra quelli che hanno consolidato l’identità di rete. Questo programma ha rafforzato il legame con il proprio territorio, un legame vitale. Nell’album c’è tutto D’Alessio, come in un perfetto diario che comprende le molteplici sfaccettature di un artista che mette in musica i capitoli di una vita: la dolcezza che si esprime piano e voce, l’energia di pezzi che richiamano spiagge estive e una indispensabile leggerezza, e atmosfere che colpiscono al cuore. Venerdi festeggi il tuo 50° compleanno… <<Venerdì 24 uscirà il mio disco, che io definisco una torta, perché io sono stato il pasticciere. Uscirà il giorno del mio compleanno, perché questa torta la volevo dividere con chi mi sostiene da tanti anni, con il mio pubblico>>.  <<Avevo chiesto a Gigi un po’ di tempo fa di inventarsi qualcosa, dove la sua presenza artistica potesse vivacizzare ed arricchire un programma importante per la nostra rete- conclude Ilaria Dallatana direttore di rete Raidue-. Energia comica con la musica un binomio vincente. Al timone del programma arriva un napoletano doc capace di farsi sentire da nord a sud della penisola. E Gigi lo farà portando nel programma la musica: i suoi grandi successi, i duetti insieme a ospiti importanti, le novità del suo repertorio, senza dimenticare il fil rouge della comicità di “Made in Sud”>>. Ulteriore novità dell’edizione 2017 del programma di Paolo Mariconda e Nando Mormone, per la regia di Sergio Colabona, prodotto in collaborazione con la “Tunnel”, è una superba orchestra di dieci elementi (capitanata da Kekko D’Alessio) che suonerà ogni sera dal vivo composta da Alfredo Golino (batteria), Maurizio Fiordiliso (chitarra), Kekko D’Alessio (tastiere), Pippo Seno (chitarra), Roberto d’Aquino (basso elettrico), Lorenzo Maffia (tastiere) Michele Maione (percussioni) i cori affidati al gruppo Sud 58; completa il cast quest’anno un balletto di otto ballerini agli ordini del coreografo Filippo Mainini. Nel cast, tra gli altri, Arteteca, i Ditelo Voi, Paolo Caiazzo, Nello Iorio, Gino Fastidio, Mariano Bruno, Ciro Giustiniani, Enzo e Sal, Maria Bolignano, Mino Abbacuccio, ma anche comici nuovi e prestigiosi come provenienti non necessariamente da aree del Sud Italia come Marco Bazzoni, Alessandro di Carlo e Antonio Ausilio.  Ad affiancare Gigi D’Alessio nella presentazione dello show ci saranno Fatima Trotta ed Elisabetta Gregoraci.

Carlo Ferrajuolo

Commenti