Strinic: con Sarri non esistevo, come tanti altri giocatori in rosa! A Napoli non potevo uscire di casa!

Strinic Maurizio Sarri non fossero stati idilliaci lo avevano detto le poche presenze e le interviste rilasciate dal croato appena approdato alla Sampdoria. Dichiarazioni che, però, continuano ad arrivare e fanno pensare ad un’inimicizia importante tra il tecnico azzurro e il croato. Nuova intervista per il terzino sinistro oggi alla Samp, stavolta all’edizione genovese di Repubblica, e nuove parole non certo dolci per Maurizio Sarri.

Lei ha detto: a Napoli soffrivo. Dura guardare sempre gli altri. E’ vero che a 30 anni ha pensato persino al ritiro?
«Al ritiro proprio forse no, era un esempio. Però che non ce la facessi più è vero. Ero venuto in Italia con grandi speranze, avevo scelto il vostro campionato perché so che fa migliorare molto i difensori, lo avevo capito con mister Reja a Spalato, avevo optato per Napoli, pur avendo offerte da Inter e diverse squadre inglesi, per il calore della gente, per la passione dei tifosi che ricorda quella del mio paese. Due anni e mezzo e non è andata come volevo. C’era chi, come Maggio, giocava anche meno di me. Ma stare ai margini non mi rende felice. Ho bisogno di fiducia. Di sentirmi parte integrante di un qualcosa. Per essere stimolato. E poi, continuando così, sapevo che avrei perso la nazionale. Già ora non mi chiamano. E’ giusto. Con la Croazia non giochi tutte le settimane, devi sparare tutto in una volta sola. Bisogna essere al top. Non è possibile se in Italia giochi ogni tanto».

Pensiero comune: conosce già la linea difensiva di Sarri ed è facilitato.
«La base è uguale, ma esistono differenze in certi dettagli, anche perché giochiamo con un modulo diverso. Ho ancora tanto da imparare, c’è spazio per crescere».

Anche fuori dal campo Sarri e Giampaolo sono simili?
«Nel giudizio c’è qualcosa che mi condiziona: qui sono venuto per giocare ed è normale che in questo momento io dica Giampaolo. Credo sia utile una conoscenza più profonda, preferirei rispondere fra qualche mese. Una cosa però salta subito agli occhi: Sarri è più freddo, per lui ci sono 13 giocatori e basta. Giampaolo parla molto, dialoga con tutti, ti spiega. Si pone come un fratello e pare proprio una brava persona».

Per venire alla Samp a quanti soldi ha rinunciato?
«Di soldi non parlo, ma non sono tutto e se per essere protagonista devi abbassarti lo stipendio, non è un problema. Tanti giocatori pensano all’ingaggio e accettano tutto, io non sono così. Devo avvertire il fuoco dentro».

A fine anno va in scadenza di contratto. La Samp sarà una priorità?
«Dove c’è il mare, c’è tutto, sono qui da tre settimane e mi trovo benissimo. Rispetto a Napoli è un altro mondo, là non potevi uscire, qui a volte manco ti riconoscono. Mia moglie Ivana è felice, i miei due figli Marta e Pietro anche. Vivo tra Quarto e Quinto, siamo casalinghi, la sera usciamo poco, ma abbiamo già capito che vivremo molto bene. I presupposti ci sono tutti, poi però c’è il campo. Che senso ha dire qualcosa oggi?»

Commenti