Milan-Inter 1-0, de Jong fa sorridere Seedorf

MILANO – In un’annata difficile, il Milan si toglie la soddisfazione di tornare a vincere il derby dopo quasi tre anni e resta in corsa per un posto in Europa League. Un successo meritato, ottenuto dalla squadra che ha osato di più. L’Inter torna a casa a capo chino ma deve recitare il mea culpa. Complice una migliore classifica, ha sbagliato partita. Ha pensato esclusivamente a difendersi per portare a casa un pareggio e, dopo aver subito il gol di de Jong a 25′ dalla fine, non è riuscita, inevitabilmente, a cambiare passo.

MILAN, VITTORIA MERITATA – Il Milan, invece, non aveva alternative per restare in corsa per il 6° posto. L’approccio, quindi, è stato più facile ma i rossoneri vanno comunque lodati per aver avuto costanza e pazienza nel trovare il modo per far capitolare l’attenta difesa nerazzurra. L’impresa è riuscita al migliore in campo, Nigel de Jong, che si è fatto trovare al posto giusto nel momento giusto su una punizione tagliata perfettamente in area dalla destra da Balotelli. E Seedorf ora, dopo una settimana difficile, può tornare a sorridere.

SEEDORF VARA IL 4-3-1-2 – Il successo, dopotutto, porta anche la sua firma. Con de Jong al rientro, il tecnico rossonero ha, infatti, sorpreso tutti varando il 4-3-1-2 con Taarabt alle spalle di Kakà e Balotelli, Poli intermedio al posto di Honda e De Sciglio invece di Bonera sull’out di destra. Mazzarri ha risposto rilanciando in difesa, dopo la squalifica, Samuel e Rolando, con Ranocchia a sorpresa preferito a Campagnaro e Jonathan di nuovo titolare a destra.

TRAVERSA DI KAKA’ – La paura di perdere ha bloccato le due squadre che, per mezz’ora, hanno badato principalmente a non commettere errori difensivi. A dare la scossa ha pensato Kakà che nel quarto d’ora finale del primo tempo è divenuto incontenibile per la difesa nerazzurra, creando pericoli a ripetizione. Prima ha impegnato Handanovic a terra su un assist di Balotelli, poi ha colpito una clamorosa traversa con un destro di controbalzo, quindi ha sfiorato l’incrocio con un bel tiro a giro, infine ha spedito alto un sinistro di controbalzo su un cross di Taarabt.

DE JONG PUNISCE L’INTER – Il Milan ha preso fiducia e, complice l’atteggiamento sempre troppo passivo dell’Inter, ha aumentato la pressione. E dopo aver fatto le prove generali con Mexes (colpo di testa a lato di poco su angolo di Kakà), è passato sfruttando un’altra palla inattiva (65′): Balotelli ha messo una punizione dalla destra in mezzo per de Jong che, dimenticato da Cambiasso, ha battuto di testa Handanovic.

MAZZARRI NON RIANIMA L’INTER – Mazzarri ha provato a invertire la rotta varando il 4-4-2 con Guarin e Alvarez esterni al posto di Cambiasso e Jonathan ma l’Inter non è riuscita a cambiare passo. L’unico brivido la difesa rossonera lo ha corso in pieno recupero quando si è dimenticata in area di Milito, subentrato nel finale. L’attaccante argentino, smarcato da una bella punizione dalla trequarti di Hernanes ha però mandato alle stelle un colpo di testa da favorevole posizione. E così Milano torna a tingersi di rossonero. Il rischio per l’Inter è che ora sia derby anche per l’Europa.

MILAN-INTER 1-0 (0-0)
Milan (4-2-3-1):
Abbiati 6; De Sciglio 6, Rami 6, Mexes 6,5, Constant 6,5 (40′ st Abate sv); De Jong 7.5, Montolivo 6; Poli 6 (27′ st Muntari 6), Kakà 7 (31′ st Pazzini sv), Taarabt 6; Balotelli 6,5. (1 Amelia, 59 Gabriel, 25 Bonera, 17 Zapata, 28 Emanuelson, 81 Zaccardo, 15 Essien, 10 Honda, 7 Robinho, 92 El Shaarawy). All.: Seedorf.
Inter (3-5-2): Handanovic 5.5; Ranocchia 6.5, Samuel 5,5, Rolando 6.5; Jonathan 6 (33′ st Alvarez sv), Hernanes 5.5, Cambiasso 5 (25′ st Guarin 5,5), Kovacic 6, Nagatomo 6; Palacio 5.5, Icardi 5 (37′ st Milito sv). (30 Carrizo, 12 Castellazzi, 14 Campagnaro, 6 Andreolli, 4 Zanetti, 33 D’Ambrosio, 17 Kuzmanovic, 21 Taider, 20 Botta). All.: Mazzarri.
Arbitro: Bergonzi di Genova 5,5.
Reti: 20′ st De Jong.
Ammoniti: Mexes, Cambiasso, Samuel, De Jong per gioco falloso, Ranocchia, Abbiati per gioco non regolamentare.
Angoli: 5-5.
Recupero: 0′ e 4′.
Spettatori: 73.855 spettatori per un incasso di 2.804.983,64 euro.

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 262 volte