Rafael: “Sono pronto per tornare a giocare, grazie al Napoli e alla mia famiglia … ma grazie soprattutto a Gesù”

Rafael Cabral, il portiere del napoli  infortunatosi ai legamenti alcuni mesi fa ha pubblicato un messaggio attraverso il suo profilo ufficiale instagram, in cui annuncia il suo imminente rientro. Eccone il contenutoVorrei condividere con voi tutta la  mia gioia: un altro miracolo di Gesù nella mia vita … Ho  effettuato tutti i test   necessari per  poter tornare a giocare, sono passati  quattro mesi e mezzo dall’intervento chirurgico e i risultati sono meravigliosi,gloria a Dio!  Sono pronto per tornare a giocare! In questo peruodo ho ricevuto il sostegno di mia moglie, compagna e partner che è stata sempre al mio fianco, piangendo, sorridendo, pregando, sperando. Voglio ringraziare tutta la nostra famiglia che come sempre è stata presente, facendo  tutto per noi  e voglio anche ringraziare lo staff del dottor Renè Abdala che ha fatto un gran lavoro. Ringrazio  anche il Santos per l’ appoggio  e per aver messo a mia disposizione tutta  questa struttura . Grazie a chi mi ha aiutato in questi sei mesi di convalescenza, dei ragazzi davvero eccezionali ai quali sarò eternamente grato, degli amici prima che dei grandi professionisti. E  ringrazio la mia squadra,  il Napoli, per il sostegno, la presenza  e le cure  e per non avermi fatto mancare  nulla.  Ringrazio i miei amici che sono stati fondamentali Ora torno a fare la cosa più bella, giocare a calcio! Molte cose accadono per renderci più forti, e so che con Gesù tutto è possibile!”.

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!