Ulivieri su Tavecchio: “E’ inadeguato, ha un solo occhio…quello imprenditoriale”

Continuano a tenere banco le polemiche sulla candidatura di Carlo Tavecchio alla presidenza della Figc, dopo le sue ripetute gaffe. Stavolta a prendere posizione è stato il presidente dell’Assoallenatori, Renzo Ulivieri, che ai microfoni di ‘Sky Sport24’ lo ha di fatto bocciato:

“Il problema è che parlare in questo modo in una assemblea dimostra inadeguatezza. L’inadeguatezza però non è una colpa. Tavecchio per noi è inadeguato a ricoprire quel ruolo, perchè ha un occhio solo: quello imprenditoriale e basta. Anch’io mi ritengo inadeguato e ho un occhio solo, quello sportivo: io non potrei fare il presidente federale perché sono inadeguato anch’io”.

L’ex tecnico del Bologna è poi durissimo sulle infelici uscite del dirigente federale:

“Il suo è un linguaggio che rientra nella sua normalità e lo conferma il fatto che quando ha parlato delle donne e del calcio femminile, ha detto ‘non sono handicappate come si pensava, sono abbastanza simili agli uomini’. Ci ha presentato un progetto sul calcio femminile il cui titolo era ‘spogliati e gioca’. Peggio di lui sono le frasi dei suoi ‘soccorritori'”.

L’appoggio dell’Assoallenatori va dunque all’altro candidato, Demetrio Albertini:

 “Viene dal calcio giocato e ha fatto il dirigente federale, quindi ha due occhi. E poi parla piano, è educato e non dice parolacce”. 

Fra le varie ipotesi, c’è anche quella di un commissariamento. Sotto questo profilo è stato fatto il nome dell’ex bomber del Cagliari e dell’Italia, Gigi Riva, che sulle pagine del Secolo XIX non si tira indietro:

 “Se mi chiedessero di fare il commissario lo rifarei. Il commissario, anzi il vicecommissario, l’ho già fatto accanto a Luca Pancalli, all’epoca di Calciopoli”.

fonte – raffaele auriemma

Commenti

Questo articolo è stato letto 328 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!