Inter, Kovacic: “Il club punta sui giovani, sono pronto per fare bene”

MILANO – Dopo due giorni di riposo, l’Inter si ritrova mercoledì pomeriggio ad Appiano. A disposizione di Walter Mazzarri un gruppo ristretto di giocatori e un problema: l’infortunio di Osvaldo. L’attaccante, a Coverciano con la Nazionale, lascerà il ritiro nelle prossime ore a causa di “un’infiammazione articolare ad un muscolo dell’anca”, come spiegato dal medico dell’Italia Enrico Castelacci. Il nerazzurro al rientro a Milano sarà sottoposto ad ulteriore verifiche dal medico dell’Inter Casalini. In attesa di sapere l’entità dello stop dell’ex Juve, il tecnico lavorerà con la ‘manciata di nerazzurrì non convocati dai rispettivi ct e con alcuni Primavera, che saranno aggregati alla prima squadra. Nel frattempo Mazzarri pensa alla prossima gara di campionato in casa contro il Sassuolo. Una partita dove non saranno accettati passi falsi. Il tempo per preparare la sfida non è molto, perché i nazionali rientreranno a ridosso della partita. Mazzarri lo sa, ma è anche consapevole del fatto che la sua Inter, all’esordio al Meazza, dovrà dare un segno tangibile di essere una squadra.

Uno dei punti fermi del gruppo di questa stagione sarà Kovacic. Il lavoro al quale Mazzarri lo ha sottoposto sta dando i frutti desiderati. Il croato è cresciuto molto rispetto alla scorsa stagione. “Ho avuto bisogno di un po’ più di tempo per adattarmi al campionato italiano”, dice il nerazzurri ai media del suo Paese. “Sono contento per il primo gol e spero di continuare allo stesso ritmo. Cominciando magari con il primo gol in nazionale”. Kovacic nel mirino di diversi club commenta: “L’interesse del Barca e rifiuto dell’Inter? Io non so nulla sul Barcellona. Pertanto, non ha senso continuare a commentarlo. Durante il periodo di mercato le grandi squadre muovono tanti soldi. In Italia meno rispetto a qualche altra nazione. L’Inter non è più coinvolta in questi affari finanziariamente clamorosi: per questo il club ha ridotto il budget e ha deciso di orientarsi su giocatori più giovani”.

NAZIONALE – Cominciamo le qualificazioni per il Campionato Europeo con grandi aspettative. “Oggettivamente si prevede di passare il gruppo e di qualificarci. Con l’Italia ci giocheremo il primo posto”. Con la nazionale di Conte si giocherà a San Siro il 16 novembre: “Per me è una conoscenza piacevole, è bello giocare in uno stadio che consideri tuo. Non è importante solo il risultato, ma anche il gioco che la Croazia mostrerà a Milano”.

EUROPA LEAGUE, LA LISTA PER LA FASE A GIRONI – L’Inter ha trasmesso all’Uefa la lista dei calciatori iscritti alla fase a gironi dell’Europa League 2014-2015. La lista è composta da 29 calciatori ed è comprensiva di 4 locali A (formati nel Settore Giovanile Inter), di 5 locali B (formati nel calcio italiano) e di 4 componenti della lista B ‘giovani’. Ecco l’elenco: 1 Samir Handanovic, 2 Jonathan, 5 Juan Jesus, 6 Marco Andreolli (giocatore locale B), 7 Daniel Osvaldo, 8 Rodrigo Palacio, 9 Mauro Icardi (giocatore locale B), 10 Mateo Kovacic, 13 Fredy Guarin, 14 Hugo Campagnaro, 15 Nemanja Vidic, 17 Zdradvko Kuzmanovic, 18 Gary Medel, 20 Joel Obi (giocatore locale A), 22 Dodo’, 23 Andrea Ranocchia (giocatore locale B), 24 Giacomo Sciacca (giocatore locale A), 30 Juan Pablo Carrizo, 33 Danilo D’Ambrosio (giocatore locale B), 44 Rene Krhin (giocatore locale A), 46 Tommaso Berni (giocatore locale B), 54 Isaac Donkor (giocatore locale A), 55 Yuto Nagatomo, 88 Hernanes, 90 Yann M’Vila, 25 Ibrahima Mbaye (lista B giovani), 95 Davide Costa (lista B giovani), 96 Andrea Palazzi (lista B giovani), 97 Federico Bonazzoli (lista B giovani).

Inter

serie A
Protagonisti:
mateo kovacic
walter mazzarri
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 250 volte