Inzaghi difende il Milan: “C’è voglia, lo spirito è giusto”

L’allenatore rossonero archivia il ko con il Palermo ed è pronto a ripartire da Marassi dove il Milan affronterà la Samp: “Squadra forte con un bravo allenatore, ma queste sono le nostre partite”. Nessun bilancio: “Guardare ora la classifica non ha senso”

C’è tranquillità nelle parole di Filippo Inzaghi alla vigilia della difficile sfida contro la Sampdoria. Il Milan è reduce dalla vittoria nfrasettimanale nel trofeo Berlusconi con il San Lorenzo, ma anche dal ko interno in campionato contro il Palermo: “Nel trofeo Berlusconi l’atteggiamento della squadra è stato positivo e i giocatori mi hanno dato una bella risposta – ha spiegato – ho ringraziato i ragazzi perché questo è lo spirito giusto, da tenere, ciò mi lascia tranquillo per la partita di domani”.

L’allenatore rossonero continua a predicare calma: “Ci vuole pazienza perché una squadra che è in rinnovamento avrà sicuramente dei periodi difficili durante l’arco del campionato – ha ribadito – La voglia non è mai mancata, ci sono aspetti che dobbiamo migliorare. Col Palermo siamo stati disordinati, ma vedere come questi giocatori affrontano ogni gara è bello. Io sono sicuro che già da domani rivedremo il Milan di qualche giorno fa”.

Presto per fare un bilancio: “A fine dicembre faremo il punto della situazione, è inutile guardare la classifica adesso, ci condizionerebbe soltanto. Domani sarà una gara complicata ma queste sono le partite da Milan, la Samp è terza, ha un bravissimo allenatore, è una squadra molto propositiva. Siamo pronti a fare un grande match”.

Sull’atteggiamento di alcuni giocatori: “L’umiltà non è mai mancata, c’è sempre grande disponibilità da parte di tutti, dobbiamo solo evitare di risolvere le partite da soli, questo è accaduto con il Palermo. Ma ci serve per crescere e imparare meglio”. Quanto alle assenze: “Mancano Alex, Abate e anche Muntari. Zapata non si è allenato ma la rosa è competitiva e ci sarà possibilità anche per chi ha giocato un po’ meno”.

Fonte: SkySport

Commenti