Benitez: “La qualificazione era importante, ora testa alla Samp. Mertens sta bene, su Gabbiadini e Lavezzi…”

Rafa Benitez è intervenuto quest’oggi  su Radio Kiss Kiss Napoli rilasciando alcune dichiarazioni: “Sappiamo che non sarà facile, raggiungere la qualificazione era importante, il primo posto è l’obiettivo nel girone di Europa League. Ero arrabbiato dopo il pareggio col cagliari? Non mi arrabbio con la squadra in generale, ma l’ho fatto nella scorsa partita perché dopo il lavoro di una settimana a un certo punto abbiamo lasciato perdere, ma il gruppo è spettacolare. Rafael? È un buon portiere ed è ancora giovane. Buffon è tra i migliori portieri della serie A ma è avanti con l’età, Rafael è giovane e deve trovare fiducia, davanti a se ha ancora altri 15 anni di carriera ad altissimi livelli. Mertens? Si è allenato oggi regolarmente con la squadra, anche se abbiamo fatto lavoro tattico, quindi senza particolari contrasti. Driesa sembra che stia bene e dobbiamo stare tranquilli. Per me è arruolabile contro la Sampdoria e voi valuterò su un suo possibile impiego.

Michu? Mi dispiace per lui, ha lavorato con dei fastidi alla caviglia, dopo un allenamento ha avuto dei problemi e ha dovuto operarsi. Noi andiamo avanti con lui, se dopo i due mesi starà bene scenderà in campo. Quando lo abbiamo firmato ha passato la visita medica senza nessun problema. Michu non è sul mercato e quando tornerà con il gruppo giocherà.

Sampdoria? Stanno facendo molto bene, hanno fisicità e velocità, tanta qualità e fiducia. Una squadra vince di più se non subisce gol e ne fa, l’anno scorso abbiamo subito tanti gol, dobbiamo diminuire questo numero e mantenere la qualità in attacco.

Gabbiadini? È un buon giocatore, lo scouting del Napoli è di massimo livello. L’altro giorno erano tanti i tifosi al San Paolo, sanno che noi daremo il 100% e fevono starci vicino.

Lavezzi? Noi lo guardiamo con occhi buoni, perché è un ragazzo fantastico. I nostri tifosi? Non è facile parlare ai tifosi, l’altra domenica erano tanti e alla fine abbiamo pareggiato una partita che avevamo in mano, devono essere sempre al fianco della squadra, sostenerla e sapere che solo così, alla fine, possiamo vincere qualcosa”.

Commenti