IL PERSONAGGIO – Ivan Strinic, ‘o biond si presenta così…

lazio-napoli strinic 2

Dopo la Caporetto interna contro la blasonata e favoreggiata  Juventus, la pressione sulla squadra azzurra era enorme e gli uomini di Benitez erano chiamati a sfoggiare una di quelle prove di sostanza contro una squadra, la Lazio, in grande forma e inondata di motivazioni derivanti da prestazioni convincenti e dalla conquista di una posizione di classifica probabilmente inimmaginabile a inizio stagione. E’ vero che a causa dell’ indisponibilità di alcuni tra i biancocelesti più rappresentativi Pioli non aveva potuto  schierare l’ undici titolare, ma è altrettanto vero che spesso in Campionato  i partenopei sono venuti meno proprio nei momenti clou, quelli in cui vincere rappresentava un  imperativo, motivo per il quale è facile capire quanta tensione regnasse tra le maglie azzurre e quanta curiosità ci fosse invece tra la tifoseria, gli addetti ai lavori e la Società stessa nell’ assistere all’ esordio in campo del neo acquisto  Ivan Strinic. Ingaggiato dal Napoli il 5 gennaio scorso, il ventisettenne croato era giunto in città quasi in sordina, e se consideriamo l’ accoglienza riservata a Manolo Gabbiadini dai supporters azzurri che per dargli il benvenuto avevano letteralmente invaso Capodichino, ci rendiamo conto che l’ acquisto dell’ ex esterno del Dnipro, chiamato a coprire quella fascia sinistra lasciata pressoché sguarnita da un Ghoulam volato in Africa per difendere i colori della sua Nazione, aveva lasciato quasi indifferente l’ ambiente. Si sa, quando un nome non è altisonante non provoca quel brivido che cattura l’ attenzione, ragion per cui senza manco vedere il ragazzo all’ opera c’era già qualcuno che mugugnava immaginando di trovarsi davanti all’ ennesimo flop dell’era Bigon, “D’ altra parte un giocatore semisconosciuto e per di più reduce da un infortunio che garanzie può dare?” … Ma il  biondo Strinic, che, complice anche la squalifica di Britos (Evviva Dio), per scelta quasi obbligata il tecnico Rafa Benitez ha dovuto schierare titolare,  nella delicata trasferta di Roma ha lasciato a bocca aperta un po’ tutti evidenziandosi per concentrazione, precisione nelle chiusure ma soprattutto per la personalità palesata in una gara d’ esordio, contro un avversario ostico e in modo particolare nel dialogare abilmente con compagni di squadra che fino a pochi giorni prima aveva visto solo in fotografia ma con i quali, a vederlo nel lunch match dell’ Olimpico, sembrava aver fatto l’ asilo assieme. Non v’è dubbio! Una piacevole sorpresa per tutti … per tutti tranne che ovviamente per Candreva, il quale con molta probabilità non credeva di doversi imbattere in un atleta di tale spessore e  di doversi scontare con un muro rivelatosi in parecchie occasioni invalicabile … Il sopracitato centrocampista laziale si ricorderà a lungo del croato dal fisico possente che gli ha letteralmente tarpato le ali impedendogli di creare seri grattacapi al portiere Rafael, dominando perentoriamente sulla sua fascia di competenza. Promosso a pieni voti dunque, alla sua prima uscita, Ivan Strinic! La sensazione è che il Napoli abbia finalmente scovato un elemento prezioso che darà una grande mano alla squadra sia in fase difensiva che in fase offensiva, non dimentichiamo che visti i centimetri egli potrebbe rivelarsi utile anche sui calci piazzati,  attendiamo ovviamente le prossime prestazioni per una visione più completa del terzino … Ma se le premesse sono queste ci sentiamo di essere fiduciosi e riteniamo di trovarci dinanzi ad una atleta dalle innegabili qualità e di sicuro rendimento.

Tilde Schiavone – Pianetazzurro

 

Commenti
avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!