Baiano: “A Palermo ho visto poco del Napoli che ha fatto 4 vittorie consecutive. Rafael? Il suo errore non determinante….”

baiano

L’attuale allenatore dello ScandicciFrancesco Baiano, ed ex calciatore del Napoli, ha rilasciato un’intervista a NapoliSoccer.net, nella quale ha analizzato la partita di sabato che ha visto il Napoli contrapposto al Palermo. Ha poi commentato il momento negativo che sta vivendo il portiere azzurro Rafael ed infine si è soffermato a parlare del centrocampo partenopeo, che ogni qual volta è orfano di uno tra David Lopez e Gargano, sembra non riuscire a reggere le sortite offensive degli avversari.

Mister, ci fa un commento sulla partita di sabato che ha visto il Napoli contrapposto al Palermo?

“Ho visto un Napoli non sui suoi standard. Ci può stare nel calcio prendere un goal a causa di un paperone del portiere ma una grande squadra come il Napoli – ha detto Baiano a NapoliSoccer.net – ha tutto il tempo per reagire, rimediare e recuperare. Ho visto ben poco del Napoli che è riuscito a vincere quattro partite consecutive. Nonostante entrambi i reparti di centrocampo fossero composti da cinque giocatori, il Palermo ha avuto la superiorità numerica; poiché i loro calciatori si muovevano di più. Avendo un giocatore imprendibile come Dybala, l’unico modo per mettere in difficoltà il Napoli era quello di aspettare la squadra azzurra e poi ripartire andandoli a castigare in contropiede. Andando in vantaggio la squadra siciliana ha potuto fare questo tipo di partita d’attesa e ripartenza”.

 

Iachini è passato da una difesa a tre/cinque ad una linea a quattro. Come mai la squadra siciliana non ha risentito di questo cambiamento? 
“Sabato il Palermo non ha accusato tanto questo cambiamento della difesa da tre/cinque a quattro dal momento che Rispoli, Andelkovic, Terzi e Lazaar sono tutti i giocatori che in carriera hanno sempre giocato a quattro. Il cambiamento della difesa da parte di Iachini è stata un esigenza. E’ più difficile passare da una difesa composta da tre uomini ad una a quattro – prosegue Baiano a Napolisoccer.net –  piuttosto che il contrario; dal momento che giocando a tre dietro si è più coperti, si ha anche un centrale in più che da sicurezza e fa in modo che si copra meno campo. Per questo motivo Benitez ha trovato  più difficoltà ad adattare la propria difesa da tre a quattro”.

 

Quanto ha influito l’errore di Rafael sull’andamento negativo della partita del Napoli?
“Nelle scorse partite Rafael ha fatto qualche errore passabile ma l’errore di ieri è stato più che clamoroso. Nel calcio ci può stare che il portiere faccia una valutazione sbagliata e prenda gol, ma la sconfitta di sabato non dipende solo ed esclusivamente dal portiere. Infatti, a mio avviso, nel Napoli tra i quindici giocatori scesi in campo la sufficienza l’hanno strappata solo in tre, al massimo quattro”.

 

Ancora una volta Jorginho sotto tono. Come mai il giocatore italo-brasiliano non è riuscito ancora a far vedere le sue migliori qualità a Napoli?
“Con la coppia Gargano – David Lopez il centrocampo del Napoli ha più aggressività e più corsa ma meno qualità. La qualità al gioco del Napoli non la devono dare i due centrocampisti; bensì i quattro attaccanti. A mio avviso la scelta di rispolverare Gargano dall’inizio della stagione è dovuto al fatto che a centrocampo servisse qualcuno più di corsa e di gamba piuttosto che uno di tecnica. Nelle prime partite Gargano è stato schierato titolare da Benitez perché, essendo un calciatore brevilineo, va in forma prima rispetto ad un giocatore alto come Inler. Nelle partite successive, a suon di ottime prestazioni sul campo, il calciatore uruguaiano ha meritato i gradi da titolare. Per quanto riguarda Jorginho, personalmente mi aspettavo qualcosa in più da lui. A Verona abbiamo visto il vero Jorginho che tutta l’Europa sognava e voleva. Non vorrei che essendo passato da una piazza come Verona, che ha piccoli obiettivi come la salvezza, ad una piazza come quella di Napoli, che ha obiettivi diversi e che ha grandi giocatori, ne abbia risentito. Purtroppo e mi spiace dirlo – conclude Baiano a NapoliSoccer.net – a Napoli non abbiamo mai apprezzato il vero Jorginho che invece abbiamo visto a Verona”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 576 volte