Garcia: “A Roma sto bene. Dovrete sopportarmi a lungo”

A margine della consegna della panchina d’oro vinta ancora da Antonio Conte, l’allenatore giallorosso corregge il tiro sulle durissime dichiarazioni rilasciate dopo il pareggio contro il Chievo: “Ero deluso”, poi parla del suo futuro

“Accuse alla squadra? Avete capito molto male, non ho mai detto queste parole”. Al termine di Chievo-Roma, finita 0-0, Rudi Garcia era stato durissimo. Ora corregge il tiro dopo aver definito “inquietante la partita”.

“Ero solo deluso” – “Ero deluso, non arrabbiato. Mi sono svegliato come sempre, carico e motivato. Mi aspetto di più da tutti i giocatori, non da un singolo. So cosa possono fare i miei calciatori individualmente e come squadra. Mi aspetto che la squadra si esprima al suo livello, ieri non è successo”, ha aggiunto l’allenatore della Roma dopo la cerimonia per la consegna della Panchina d’oro a Coverciano.

Il futuro – “Il mio futuro? Parlate di quello che volete. Io ho sempre detto che a Roma sto bene e voglio entrare nel nuovo stadio. A meno che i lavori  non finiscano tra un anno, credo che dovrete sopportarmi ancora un po’ “, ha detto negando fratture tra staff tecnico e squadra.

Obiettivi – “Siamo molto uniti con la società e soprattutto con i giocatori e lo staff. Bisogna fare meglio e di più, abbiamo subito l’opportunità per riuscirci. A volte bisogna aspettare una settimana dopo una brutta partita, invece tra tre giorni torniamo in campo per preparare la sfida di Europa League”, dice pensando alla sfida in programma sul campo della Fiorentina per l’andata degli ottavi di Coppa. “Dobbiamo fare una grande gara giovedì, ma l’obiettivo principale è la qualificazione alla prossima Champions League. Siamo secondi in classifica e vogliamo conservare la posizione, ma dobbiamo far meglio di quanto abbiamo fatto ieri”.

Altra panchina d’oro per Conte – Antonio Conte ha vinto la Panchina d’oro per la terza volta. Il ct della Nazionale, che nella scorsa stagione ha vinto il terzo scudetto consecutivo alla guida della  Juventus, è stato premiato dai suoi colleghi. Nella votazione, al secondo posto Vincenzo Montella, allenatore della Fiorentina, e al terzo Rudi Garcia, tecnico della Roma. La panchina d’argento è andata invece all’allenatore dell’Empoli Maurizio Sarri.

Fair play Garcia – Garcia dice di non essere affatto deluso per il suo terzo posto: “Ha vinto il collega che ha fatto punti record quindi è un premio meritato”, ha concluso con fair play l’allenatore giallorosso.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 174 volte