Franco Tancredi: “Roma-Napoli è una partita da dentro o fuori”

tancrediA Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Franco Tancredi, ex portiere

Mi aspettavo di più da Napoli e Roma in questa stagione. La campagna di rafforzamento azzurra è stata giusta ed intelligente soprattutto nella finestra di gennaio mentre la Roma è sparita e stenta a ritrovarsi. Detto questo, il Napoli è ancora impegnato su tre fronti mentre la Roma deve difendere il secondo posto.

Impazzisco per Higuain perché è un centravanti moderno e completo: sa fare gol, è forte veloce, potente, sa fare assist e far giocare la squadra. Quando arrivò a Madrid a gennaio aveva solo 18 anni e fu chiamato quasi subito a giocare con Capello che lo sfruttava come esterno di destra e capì immediatamente le sue qualità.

Roma-Napoli è una partita da dentro o fuori, i giallorossi devono difendersi dalle inseguitrici e la vittoria di Cesena mi ha convinto poco perché non ho visto una Roma brillante, il Napoli, invece, deve vincere e sperare che gli altri non facciano punti.

Andujar a meno di errori gravissimi credo sia da qui alla fine della stagione il portiere titolare del Napoli. Non me ne vogliano Rafael e Andujar, ma non credo siano portieri in grado di difendere la porta del Napoli e questo ruolo credo che nel prossimo mercato debba essere rinforzato.

Un mio ricordo di Roma-Napoli? Maradona mi fece gol su calcio di rigore, ma mi disse che ero l’unico portiere che sui calci di punizione non gli facevano vedere la porta e questa frase non la dimenticherò mai. Mi auguro che sabato all’Olimpico ci sia una festa, non abbiamo bisogno di odio e di esportare brutte immagini. Spero che vinca il migliore, ma che ci sia grande sportività dentro e fuori dal campo”.

Il presente comunicato è stato inviato da Crc. Si declina ogni responsabilità dal contenuto dello stesso

Commenti