Lucariello: “Mihajlovic ha già firmato? Non dimentico la storia di Gasperini, il Napoli ha tratto benefici dal ritiro”

lucarielloGIANFRANCO LUCARIELLO, giornalista, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “La squadra ha tratto sicuramente benefici dal ritiro, perché gli azzurri si sono ricompattati e con loro Benitez. Finalmente stiamo riammirando la squadra che gioca un gran calcio, capace di battere chiunque e raggiungere obiettivi importanti. Io comunque chiamo in causa la società che avrebbe dovuto vigilare meglio e intervenire prima, per questo ripeto che nei quadri societari manca un grande dirigente, un team manager esperto ed autorevole, che sappia intervenire al momento giusto e prendere anche decisioni importanti, insomma, ci vorrebbe un nuovo Italo Allodi, se ci fosse, ovviamente. Il Napoli visto in Germania fa preoccupare tutte le avversarie e se proprio dovessi scegliere, dico Siviglia. Si parla di Mihajlovic come successore di Benitez e che addirittura, abbia già firmato il contratto, ma io non dimentico la storia di Gasperini, allenatore azzurro, ma solo per un giorno. Chissà che la storia non si ripeta anche con Benitez, anche se le sue dichiarazioni dopo la vittoria di Wolfsburg, suonano come passo d’addìo. L’allenatore della Sampdoria non mi dispiace, anzi, ma rinunciare a Benitez significa fare un passo indietro perché si interromperebbe un progetto ambizioso per ripartire daccapo”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 569 volte

avatar

Tilde Schiavone

Sono una persona che riesce a star bene con se stessa solo se intorno a lei c' è armonia, questo è il motivo per cui cerco di risolvere i conflitti esistenti tra le persone che mi circondano;non amo i gioielli, specialmente quelli costosi, preferisco gli accessori di poco valore; non amo ricevere in regalo i fiori recisi: preferisco ammirarli nei giardini dove compiono il loro naturale ciclo vitale e non nei vasi dove hanno vita breve..Amo il blues,il canto del dolore, e il mio sogno è raggiungere un giorno quei luoghi che lo hanno visto nascere; Amo gli indiani d' america, la loro spiritualità e la loro cultura. non vivrei senza i dolci e la pizza. Sono campanilista, napolista, meridionalista ...maradonista. Adoro gli animali, ritengo che non siano loro le bestie e sono vegetariana. Non mi piace parlare, quel che sento preferisco scriverlo, so esprimermi meglio con una penna in mano anziché dinanzi a un microfono, amo inoltre il folclore della mia terra e cerco, attraverso l' Associazione Culturale Fonte Nova d cui sono Presidente, di preservarlo e diffonderlo ... e duclis in fundo AMO LA MIA NAPOLI, senza se e senza ma, ringrazio Dio perchè ha fatto sì che nelle mie vene scorresse il sangue del Sud!