Mario Zaccaria: “Pepe Reina non è mai andato via da Napoli con la mente”

zaccariaMARIO ZACCARIA, giornalista, presidente dell’USSI Campania, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”, su Radio Punto Zero, trasmissione radiofonica dedicata al Calcio Napoli, che approfondisce i temi proposti sul web da NapoliMagazine.Com, in onda dal lunedì al venerdì, dalle 14.30 alle 16.00, condotta da Michele Sibilla e Antonio Petrazzuolo. Ecco quanto ha affermato: “Con la canea seguita alla zuffa del Tardini non mi meraviglio dei provvedimenti del giudice Tosel. Dico solo che se registrassero cosa si dice in campo, in una sola partita, verrebbe fuori qualcosa di incredibile ed allora di cosa vogliamo parlare. Voglio solo aggiungere che mi sembra strano che le orecchie dei commissari di gara fossero dritte solo verso la panchina del Napoli. Come accade spesso in Italia, è il momento della carità pietosa e quindi tutti a piangere per il povero Parma e aggiungo, facendo autocritica per la categoria, colpa di tutto questo è soprattutto della stampa. Ma voglio fare una domanda a tutti: è normale che una squadra come il Parma giochi con tanto accanimento e ad ogni gol fatto e parata del proprio portiere, i giocatori abbiano esultato come se stessero vincendo la finale di Champions League? Hanno detto che era l’ultima occasione per dimostrare la loro professionalità? Benissimo. E allora spero che anche Udinese e Palermo, che affronteranno la Roma, giochino allo stesso modo. Ovviamente è utopia perché si sa, chi non ha più nulla da chiedere, gioca senza quel furore agonistico che invece ha o dovrebbe avere, chi ha ancora obiettivi da raggiungere. Per questo mi arrabbio con il Napoli, che avrebbe potuto fare ben altro se solo avesse giocato con altro piglio. Reina non è mai andato via da Napoli con la mente e con il cuore ed è naturale che possa tornare per la prossima stagione. Io non ho mai visto uno che gioca in uno squadrone come il Bayern Monaco, che non perde occasione per scappare a Napoli, avendo la possibilità di girare il mondo. Ma non sono per niente meravigliato perché c’è tanta gente, molta di più di quanto possiamo immaginare, che quando viene a Napoli resta entusiasta della città e rapita da tanta bellezza”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 814 volte