Udinese, Colantuono: “Dimostriamo di essere maturi”

UDINE – “Contro il Palermo voglio vedere una squadra matura e intelligente”. Dopo la storica impresa allo Stadium contro la Juve, Stefano Colantuono teme il contraccolpo per la sua Udinese. Per questo, alla vigilia dell’esordio nel nuovo Friuli punta a tenere alta l’attenzione: “La vittoria ce la siamo goduta perché stata storica ed eccezionale. Ma ora dobbiamo voltare pagina dimostrando di essere bravi a capire determinate cose. Questa sfida è molto importante per noi, per il nostro campionato. Non dobbiamo sbagliare per la classifica e per la nostra gente”.

IL PALERMO E’ SQUADRA COMPLICATA – Malgrado le partenze eccellenti, Colantuono teme molto il Palermo: “E’ una squadra molto complicata, un avversario di grande rilievo. E’ squadra che ricalca quella dell’anno scorso. Ha perso Dybala che era un giocatore che faceva la differenza, anche se lì davanti ha preso Gilardino. Può comunque fare molto bene, perché è una squadra compatta, che sa quello che vuole, con giocatori di qualità. Per questo la rispettiamo molto”.

GLI INFORTUNI NON DEVONO ESSERE UN ALIBI – Per l’occasione il tecnico bianconero dovrà fare a meno di Guilherme e Badu mentre si spera di recuperare Koné. “Ma non possiamo pensare agli assenti – mette in chiaro Colantuono – Dispiace per gli infortuni, ma siamo pronti ad affrontare al meglio la partita. Non dobbiamo crearci degli alibi, perché gli imprevisti fanno parte di questo mestiere”. Potrebbe esserci spazio per Merkel (“secondo me lui ha delle qualità importanti, finora è stato impeccabile nei comportamenti e nelle partite in cui e’ stato chiamato in causa”) o Marquinho (“comincia a crescere come condizione”).

ZAPATA? E’ MIGLIORATO – Verso la conferma Iturra, sicuro di un posto da titolare Zapata. “E’ migliorato, anche se non credo sia ancora vicino al massimo della condizione. Domani giochera’ al 100%. Fino a che ne avrà, sarà in campo, poi valuteremo in corsa. Nessuno al momento è al top, e per vederli al massimo occorrono 4-5 partite”. Ok Ali Adnan (“il suo unico problema e’ la novita’ del campionato e dell’esperienza, giovedì aveva un piccolo fastidio all’adduttore, ma nulla di grave”), Colantuono non si pronuncia sull’interessamento per Carmona “perché la società sa il fatto suo ed è sempre pronta sul pezzo per quanto riguarda il mercato”.

BRUNO FERNANDES HA QUALITA’ IMPORTANTI – Infine, sulla rinascita di Bruno Fernandes, spiega: “Non ho poteri sovrannaturali. Gli ho detto che nel calcio ci sono due fasi: di possesso e di non possesso. Giocatori che possono permettersi di farne una sono pochi. Lui sta facendo bene, si impegna e ha delle qualità importanti. Deve giocare sempre partite all’altezza, perché non regalo niente a nessuno”.

udinese

serie A
Protagonisti:
stefano colantuono

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 114 volte