Inter, Melo: “Mancini per me è un padre”. Murillo: “Qui si punta allo scudetto”

MILANO – Atmosfera di grande fiducia in casa Inter, dove non si ha paura nel pronunciare la parola scudetto dopo la bella vittoria sulla Roma. “Mancini per me è più di un grande allenatore, tra i migliori del mondo. Per me Mancini è come un padre”. Così Felipe Melo in un’intervista alla tv turca “Trtspo”. Il brasiliano racconta della decisione di lasciare il Galatasaray per dire sì alla proposta nerazzurra: “All’Inter mi trovo meglio di quanto pensassi. Abbiamo iniziato bene, ma sarà ancora più importante finire bene. Il campionato italiano sta tornando bello e difficile come un tempo. In Italia prima vinceva solo la Juventus, adesso ci sono più squadre in lotta per lo scudetto, noi compresi. Sono felice a Milano, come detto è una nuova sfida e sto lavorando per ripetere all’Inter quanto fatto al Galatasary”.

E a proposito dell’addio al club turco, il brasiliano aggiunge: “credo che fosse finito un ciclo. Quando sono arrivato al Galatasaray avevo detto che volevo scrivere la storia vincendo trofei e titoli. Questo è successo, abbiamo vinto tanto e quindi questo ciclo è finito nella migliore maniera possibile. Via per soldi? E’ assolutamente una bugia. All’Inter guadagno meno della metà di quando prendessi in Turchia”.

Da Felipe Melo a Jeison Murillo. Secondo il difensore nerazzurro l’Inter deve credere, anzi deve puntare allo scudetto. “Chi indossa la maglia dell’Inter deve puntare al massimo”. Mentalità da vincente quella di Murillo che in testa alla classifica dice di stare “bene, anche se si continua a lavorare duramente perchè la strada è ancora lunga. Adesso ci concentriamo sul Torino – ha proseguito il colombiano ai microfoni di Mediaset -, una partita insidiosa, ma noi cercheremo di fare il massimo. Il segreto della nostra difesa? Medel e Melo lavorano tantissimo per la fase difensiva, sono una garanzia. Così come avere un compagno come Miranda”.

Inter

serie A
Protagonisti:
Felipe Melo
jeison murillo
Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 200 volte