Sampdoria, Montella: “Spero in una brutta partita…”

Sampdoria, Montella: "Spero in una brutta partita..."(ansa) GENOVA – “Mi auguro che quella di domani non sia una partita”. Vincenzo Montella spiazza tutti. Il tecnico della Sampdoria, alla vigilia del match casalingo contro il Napoli, spera di non assistere a una gara spettacolare, ma il perche’ e’ presto detto: “Se una partita ha dei canoni estetici brutti significa che la squadra piu’ valida tecnicamente ha trovato delle difficolta’: pochi spazi e poche possibilita’ di colpire. E’ quello che noi speriamo di fare contro il Napoli. Altrimenti sarà dura”.

DOVREMO NON FAR ARRIVARE RIFORNIMENTI A HIGUAIN – Per imbrigliare il Napoli e costringere gli azzurri a giocar male, Montella, da buon ex bomber, sa che sarà fondamentale fermare Higuain. “Difficile fermare un attaccante cosi’… Dovremo tagliargli i rifornimenti. Detto questo, il Napoli e’ una squadra che ha tante soluzioni offensive, non solo Higuain”, spiega il tecnico doriano che poi si concentra suoi suoi ragazzi e in particolare su Correa sulla novita’ Ricky Alvarez. “El Tucu e’ in crescita – spiega riferendosi al primo -, si sta applicando tanto anche in fase difensiva. Alvarez ora e’ a disposizione, al pari di Dodo’. Considero i nuovi arrivati alla stregua dei compagni. Pronti per una partita intera? Questo non lo so con certezza”.

VEDRETE UNA SAMP ARRABBIATA – La Samp si presenta alla sfida con la capolista, dopo le sconfitte consecutive con Juventus e Carpi. “Nell’ultima partita abbiamo sbagliato tante cose ma ho visto una squadra in crescita. Col campo gelato non era facile giocare alla nostra maniera”. Montella per il match col Napoli ha comunque una certezza: “Posso dire che la Sampdoria sara’ molto presente perche’ i ragazzi hanno lavorato bene: sono arrabbiati e vogliosi di fare punti. L’intenzione di tutti e’ quella di migliorare la classifica”.

SPERO CHE SARRI PARLI MALE DEL CAMPO… – Sarri si lamento’ molto del terreno del gioco del Ferraris dopo lo 0-0 in casa del Genoa. Montella scaccia già ogni alibi: “Il terreno di Marassi e’ da Serie A. Sarri e’ simpatico, ma guarda a caso quella partita non l’aveva vinta. Spero ridica le stesse cose domenica pomeriggio…”, sottolinea sorridendo. Sul battibecco che ha coinvolto il tecnico toscano con Mancini in settimana, invece, il tecnico doriano è chiarissimo: “A me non piace fare moralismo, troppo facile dare buoni consigli quando non si può più dare il cattivo esempio come cantava De Andrè. Ma calciatori e allenatori hanno delle responsabilità mediatiche. Credo si debba essere sempre molto attenti ad esternare e sempre concentrati in campo e fuori”.

IL MERCATO? MI AUGURO FINISCA PRESTO – Chiusura sul mercato: “Non parlo di possibili innesti alla vigilia del campionato. Le lusinghe ai nostri? Prima o poi il mercato finisce…”, chiude riferendosi soprattutto a Soriano che salkterà per squalifica la sfida con i partenopei. Alla fine, quindi, la Samp dovrebbe presentarsi con il 4-2-3-1 con Correa, Carbonero ed Eder alle spalle di Cassano. A centrocampo spazio ancora a Fernando e Barreto. L’unico dubbio sara’ in difesa: Cassani dovrebbe vincere il ballottaggio con De Silvestri mentre Moisander, Silvestre e Zukanovic si giocano due maglie. A sinistra spazio a Regini.

sampdoria

serie A
Protagonisti:
vincenzo montella

Fonte: Repubblica

Commenti