Juve strepitosa, Chievo demolito: doppio Morata e 4-0 al Bentegodi

CHIEVO-JUVENTUS 0-4
6′ e 40′ Morata, 61′ Alex Sandro, 67′ Pogba

La cronaca del match e le pagelle

Se proprio si volesse fare un paragone meteorologico, il momento di Alvaro Morata può riassumersi con le immagini del Bentegodi e di quella nebbia che si dirada per lasciare posto alla luce. La luce in fondo a un tunnel pericoloso intrapreso dallo spagnolo, una via d’uscita trovata e passata attraverso due doppiette, in Coppa Italia all’Inter e in campionato al Chievo. La Juve ritrova un bomber prezioso che sarà utilissimo da qui alla fine del campionato per dare l’assalto al Napoli e per sperare di avanzare in Champions. Con il successo di Verona la squadra di Allegri ottiene la dodicesima vittoria consecutiva eguagliando il record di Conte stabilito tra l’ottobre 2013 e il gennaio 2014.

Juventus – In campo con il collaudatissimo 3-5-2, dove in attacco ad affiancare Dybala c’è Morata. Lo spagnolo riconquista una maglia da titolare anche in campionato (dal 1′ in Coppa Italia) grazie all’ottima prova contro l’Inter ma soprattutto per l’infortunio di Mandzukic (salterà probalimente anche le partite contro Napoli e Bayern). Out anche Asamoah. Caceres in difesa a sinistra, non c’è Chiellini.

Chievo – Maran sceglie il 4-3-1-2, con Birsa alle spalle di M’Poku e Inglese. I veneti arrivano da un pesante 4-1 incassato contro la Lazio, ma la classifica resta buona a conferma di una stagione più che positiva. All’andata, lo scorso 12 settembre, finì 1-1: vantaggio ospite con Hetemaj e pareggio di Dybala su rigore.

La partita – E’ la Juve ad imporre il gioco sin dall’inizio cercando di allargare le maglie di un Chievo che prova a stringere il campo per creare densità in mezzo. La squadra di Allegri, però, trova ampiezza nelle giocate e riesce a sfruttare gli esterni come chiave per scardinare la retroguardia gialloblù. Morata in gol già al 6′ regala tranquillità alla squadra con il Chievo costretto ad aprirsi e a prestare il fianco alla manovra bianconera. Ancora al 40′ su iniziativa di Liechsteiner il pallone arriva allo spagnolo che mette dentro la sua seconda doppietta consecutiva. La fine di un incubo. Maran prova a scuotere i suoi durante l’intervallo e nonostante la buona volontà e un atteggiamento propositivo il Chievo subisce ancora, questa volta da sinistra con Alex Sandro che va direttamente alla conclusione e batte Bizarri. Dopo il 3-0 la Juve ha provato sostanzialmente a gestire il match, a non sprecare troppe energie, trovando il quarto gol con Pogba, portando a casa i tre punti che continuano a mettere pressione al Napoli primo in classifica.

Fonte: SkySport

Commenti