Lega Pro: trasferte per Cittadella e Casertana, Spal in casa nel posticipo tv

La parola torna al campo dopo una settimana intensa in Lega Pro, fra classifiche rivoluzionate dalla sentenza del Tribunale Federale Nazionale relativa all’inchiesta della Procura di Catanzaro per la vicenda scommesse e gli esiti della prima assemblea dell’era Gravina come presidente. Il primo fine settimana di febbraio propone allora il 21° turno di campionato, quarto del girone di ritorno, con un ricco menù distribuito fra sabato e domenica, poi la ciliegina finale nel posticipo di lunedì sera in diretta televisiva fra Spal e Pontedera che vede impegnata la prima della classe del girone B, lanciatissima verso la promozione tra i cadetti.

CITTADELLA A PIACENZA, SALO’ A PADOVA E ALESSANDRIA IN CASA COL LUMEZZANE – Nel girone A il Cittadella con tre successi di fila ha cominciato nel migliore dei modi la seconda fase, lanciando chiari messaggi alla concorrenza. La squadra di Venturato è attesa dal Pro Piacenza che viene dalla pesante sconfitta per 4-0 sul campo della Reggiana. La concorrenza comunque non è da meno dei veneti: la FeralpiSalò ha fatto altrettanto in termini di vittorie consecutive, ma per la squadra di Aimo Diana c’è adesso un ostacolo non indifferente che si chiama Padova: i biancoscudati di Pillon, infatti, con otto risultati utili consecutivi stanno rispolverando antiche ambizioni. E non va certo dimenticata l’Alessandria di Gregucci, che deve però tornare a riconcentrarsi sul campionato dopo le belle imprese in Coppa Italia che l’hanno portata all’attenzione generale. Al “Moccagatta” i piemontesi ospitano il Lumezzane, bisognoso di punti salvezza e reduce da ben quattro sconfitte di fila.

MANTOVA-CREMONESE E PRO PATRIA-ALBINOLEFFE DERBY DA PAURA – Per il resto derby lombardi tra Mantova e Cremonese, con Rossitto alla guida dei grigiorossi (con l’esperto Gigi Simoni come tutor) che cerca conferme dopo aver debuttato con una importante vittoria nel posticipo con l’Alessandria, e tra Pro Patria e Albinoleffe. In questo caso la severa punizione inflitta dal Tribunale federale ai bustocchi (-7), già fanalino di coda, ha dato un colpo di grazia alle speranze di salvezza proprio prima di quello che doveva essere lo scontro diretto per evitare l’ultimo posto.
Girone A, 21/a giornata: Bassano-Sudtirol, Mantova-Cremonese, Pavia-Cuneo, Pro Patria-Albinoleffe, Pro Piacenza-Cittadella, Renate-Pordenone, Alessandria-Lumezzane, Giana Erminio-Reggiana, Padova-Feralpisalò.
Classifica: Cittadella 41 punti; Feralpisalò 37; Alessandria 35; Pordenone 34; Bassano 33; Reggiana e Sudtirol 32; Pavia 30; Cremonese e Padova 28; Giana Erminio 25; Cuneo 24; Pro Piacenza 23; Lumezzane e Renate 19; Mantova 18; Albinoleffe 14; Pro Patria (-7) 1.

SPAL POSTICIPA COL PONTEDERA, OSTACOLO AREZZO PER IL PISA A CACCIA DI RISCATTO – Nel girone B la Spal ha allungato a nove punti il proprio vantaggio proprio nel momento in cui il Pisa sembrava molto più che una semplice minaccia. La squadra di Leonardo Semplici è dunque sempre più autorevole candidata a un salto di categoria diretto, a patto di non incappare in qualche distrazione che possa rimettere in gioco le inseguitrici. Per vedere in campo la capolista bisogna comunque attendere il posticipo televisivo di lunedì sera (ore 20, Rai Sport) quando la formazione ferrarese affronterà il Pontedera, caduto inaspettatamente domenica scorsa in casa contro l’Aquila. Il Pisa di Gennaro Gattuso ha fatto di tutto per aiutare la fuga della Spal, nonostante i rinforzi in campo e societari: i nerazzurri dopo due stop di fila sono dunque chiamati alla riscossa nel derby all’Arena Garibaldi contro lo spigoloso Arezzo di Capuano, risalito fino all’ottavo posto grazie a una serie di risultati utili.

MACERATESE RICEVE RIMINI, ANCONA ALL’AQUILA E DERBY SIENA-LUCCHESE – Anche perché alle spalle dei toscani si sono riavvicinate le marchigiane, ij primis la Maceratese rivelazione di Christian Bucchi che sembrava in parabola discendente ma ha saputo sbancare Lucca e ora riceve il Rimini, sempre impelagato nei bassifondi e che continua a stentare nonostante la cura Acori, terzo allenatore di stagione. Anche l’Ancona dopo il successo sul Pisa ha fatto suo il quarto posto e ci sarà da difenderlo già da questo turno che vede la squadra di Cornacchini impegnata a L’Aquila, contro una compagine che ha subito ben 13 punti di penalizzazione dal Tfn precipitando in terzultima posizione. Il Siena di Carboni, arrivato a soli tre punti dai play-off, ospita al “Franchi” nel derby la Lucchese, mentre la Carrarese dopo due battute d’arresto consecutive è attesa dal Tuttocuoio, anch’esso reduce da un paio di sconfitte.

IN CODA LUPA ROMA-PRATO, SAVONA-TERAMO E SANTARCANGELO-PISTOIESE – Riguardano la zona più calda della classifica, invece, Lupa Roma-Prato, come pure il testa a testa fra le penalizzate Savona (altri 2 punti in meno ai liguri in settimana) e Teramo, e un Santarcangelo-Pistoiese diventato una sfida play-out dopo i sei punti di penalizzazione inflitti ai romagnoli qualche giorno fa.
Girone B, 21/a giornata: Maceratese-Rimini, Robur Siena-Lucchese, Santarcangelo-Pistoiese, Savona-Teramo, Lupa Roma-Prato, L’Aquila-Ancona, Pisa-Arezzo, Tuttocuoio-Carrarese, Spal-Pontedera lunedi ore 20.
Classifica: Spal 44 punti; Pisa (-1) 35; Maceratese 34; Ancona 33; Carrarese e Robur Siena 30; Pontedera 29; Arezzo 27; Lucchese e Tuttocuoio 24; Teramo (-6) 23; Prato 20; Pistoiese 19; Rimini 18; Santarcangelo (-6) 17; L’Aquila (-13) 14; Lupa Roma 12; Savona (-14) 9.

CASERTANA E FOGGIA IN TRASFERTA, BENEVENTO E LECCE CI PROVANO – Nel girone C la giornata degli scontri diretti al vertice non ha cambiato nulla e le prime quattro posizioni sono rimaste immutate. La Casertana quindi guida ancora la compagnia con due punti di vantaggio e giocherà in trasferta sul terreno del Matera, che dopo aver visto interrotta a Catania la sua cosa dopo 11 turni di imbattibilità deve recuperare sei punti dalla zona play-off. In viaggio anche il Foggia, primo rivale dei campani di Romaniello, impegnato a Melfi. Giocano invece tra le mura amiche sia il Benevento di Gaetano Auteri (nove gare senza sconfitte per i giallorossi campani), che ospita la coriacea Fidelis Andria, sia il Lecce di Braglia (10 turni utili) che al “Via del Mare” dovrà vedersela con il sempre più pericolante Martina che confida nell’esperienza di Cari per essere traghettata alla salvezza.

ISCHIA SFIDA CATANIA, INCROCI COSENZA-MESSINA E CATANZARO-AKRAGAS – Cerca il rilancio dopo la sconfitta di Agrigento, occasione persa di inserirsi tra le prime, il Cosenza quinta forza del torneo, che attende nel fortino del ‘San Vito’ il Messina di “Re Artù” Di Napoli che ha appena ritrovato il successo cancellando un periodo negativo. Il Catania dal canto suo vuole dare continuità all’affermazione di domenica scorsa nel tentativo di dare una svolta al proprio torneo: gli etnei di Pippo Pancaro saranno ospiti dell’Ischia affamata di punti per allontanarsi dalla zona play-out. Rimanendo in Sicilia, le due vittorie consecutive colte con Pino Rigoli al timone per l’Akragas risultano provvidenziali visto che è arrivata la penalizzazione di 3 punti dal Tfn e sabato incombe la trasferta a Catanzaro.

DERBY PAGANESE-JUVE STABIA, LUPA CASTELLI A MONOPOLI – Può valere un salto in avanti il confronto diretto tutto campano fra Paganese e Juve Stabia, anche se pare complicato riuscire a inserirsi nel discorso play-off. Completa il quadro l’impegno interno del Monopoli, che ospita il fanalino di coda Lupa Castelli Romani per ripartire dopo lo stop a Messina e continuare nel suo regolare cammino sempre fuori dalla zona pericolo.
Girone C, 21/a giornata: Benevento-Fidelis

Andria, Catanzaro-Akragas, Ischia-Catania, Lecce-Martina Franca, Melfi-Foggia, Monopoli-Lupa Castelli Romani, Cosenza-Messina, Matera-Casertana, Paganese-Juve Stabia.
Classifica: Casertana 39 punti; Foggia 37; Benevento (-1) 36; Lecce 35; Cosenza 34; Matera (-2) e Messina 29; Fidelis Andria e Paganese (-1) 25; Catanzaro 24; Catania (-10) e Juve Stabia 23; Monopoli 20; Akragas (-3) e Melfi 19; Ischia (-4) 17; Martina Franca (-1) 12; Lupa Castelli Romani (-1) 8.

larepubblica

Commenti