Carpi-Frosinone 2-1: De Guzman riapre la corsa salvezza

MODENA – Un pallone pesantissimo, in grado di rilanciare il Carpi nella corsa alla permanenza in Serie A. Jonathan de Guzman, entrato in campo da neanche un quarto d’ora, lo ha accarezzato, lo ha pulito con la maglia prima di depositarlo sul dischetto. Il regalo era arrivato da un altro nuovo ingresso: Roberto Stellone chiedeva a Soddimo le giocate decisive per tornare in Ciociaria con tre punti dal peso specifico incalcolabile, l’esterno si è invece rivelato un’arma letale per i propri colori. Crimi si insinua in area di rigore da destra, il 10 ospite lo atterra, Banti non ha dubbi. Si torna a quel pallone, dunque. A de Guzman che lo accarezza, fissa Leali, vince la sfida di sguardi. Piatto destro aperto, il portiere che si butta sull’altro lato, le speranze del Frosinone di scavalcare il Palermo che svaniscono in un battito di ciglia. Lo spareggio salvezza lo vince il Carpi, capace di risollevarsi nel momento peggiore della partita dopo aver già assaporato la vittoria.

VITTORIA MERITATA – E’ stata una battaglia durata 100 minuti, quella del Braglia, con sei ammoniti (due dei quali già nei primi 60 secondi) e una quantità pazzesca di interruzioni. Ha vinto chi ha buttato sul campo più idee: non è privo di sbavature il percorso di Castori, con il suo Carpi che perde il controllo della sfida quando rinuncia a Lollo, fin lì collante perfetto tra centrocampo e attacco. I padroni di casa avevano sbloccato la contesa nel primo tempo, su assist proprio dell’incursore per l’inserimento di Bianco. Il numero 8, con una scivolata calcolata alla perfezione, aveva anticipato il malcapitato Leali, la cui uscita bassa non ha certamente convinto. Come da tradizione nelle gare casalinghe, Castori aveva scelto il 4-4-1-1, identificando in Mancosu l’uomo giusto per guidare l’attacco. Primo tempo sporco, il Frosinone punge pochissimo, si nota solamente un colpo di testa di Ciofani su cross del solito Pavlovic.


RIPRESA ONDIVAGA – Nel secondo tempo il Carpi spreca l’occasione più importante del match. Lollo in pressing aggredisce con successo il distratto Gori, Di Gaudio pesca Mancosu nel cuore dell’area di rigore ma l’attaccante spara incredibilmente sopra la traversa con il destro. Proprio a ridosso del quarto d’ora Lollo viene sostituito da Lasagna: con le due punte pure, i biancorossi perdono le distanze. L’unica soluzione a disposizione di Stellone sono i piazzati di Pavlovic: il primo costringe Cofie a rischiare l’autogol, il secondo mette nuovamente in difficoltà l’ex Genoa e Chievo. Sul cross da destra il pallone viene svirgolato dal centrocampista, Dionisi è perfetto: stop e tiro in un fazzoletto d’area, sfera sotto la traversa e parità ristabilita. Stellone aveva mischiato le carte abbandonando il 4-3-3 e ripescando il 4-4-2, l’infortunio di Dionisi lo convince a tornare sui suoi passi: dentro Chibsah, come se il pari bastasse ai ciociari. E’ forse l’errore più grande: si arriva allo scontro Soddimo-Crimi, al rigore che può cambiare il campionato di due squadre in pochi istanti, a de Guzman che quasi parla al pallone che rimette il Carpi in carreggiata. Nel finale Crimi conferma il suo ottimo impatto colpendo una traversa ma il risultato non cambia: Castori non ha mai smesso di crederci, ora per la salvezza ballano almeno in sei.

CARPI-FROSINONE 2-1 (1-0)
Carpi (4-4-1-1): Belec 6; Zaccardo 6, Gagliolo 6, Romagnoli 5.5, Letizia 6.5; Pasciuti 6, Bianco 6.5 (21′ st Crimi 6.5), Cofie 5.5, Di Gaudio 6; Lollo 7 (14′ st Lasagna 6); Mancosu 5.5 (31′ st de Guzman 6). (Colombi, Daprelà, Poli, Sabelli, Suagher, Porcari, Mbakogu). All.: Castori
Frosinone (4-3-3): Leali 5; Rosi 5.5, Ajeti 5.5, Pryima 5.5, Pavlovic 6.5; Gori 5 (18′ st Soddimo 5), Sammarco 5.5, Frara 6; Kragl 5 (18′ st Carlini 5.5), Ciofani 6, Dionisi 6.5 (32′ st Chibsah 6). (Bardi, Zappino, Ciofani, Crivello, Gucher, Longo). All.: Stellone
Arbitro: Banti
Reti: 27′ pt Bianco, 26′ st Dionisi, 45′ st rig. de Guzman
Ammoniti: Gori, Rosi, Soddimo, Letizia, Bianco, Pasciuti
Recupero: 5′ e 5′
 

carpi calcio

serie A
frosinone calcio
Protagonisti:

Fonte: Repubblica

Commenti