Meno 1 all’ inizio del nuovo campionato: Sacchi incorona ancora la Juventus

Arrigo Sacchi, ex tecnico di Parma, Milan  e Real Madrid, nonchè ex ct azzurro, ha fatto il punto del prossimo campionato che si aprirà domani pomeriggio. Queste le sue dichiarazioni:

“Roma e Napoli, anche se non è stato per  volontà loro, , cedendo i pezzi migliori, non hanno fatto altro che rafforzare,  ulteriormente,  la Juventus.

“E’ difficile immaginare,  pertanto,  un epilogo diverso da quello di un nuovo trionfo bianconero . La Juventus, infatti,  oltre a rinforzarsi,  ha anche indebolito  la concorrenza. Higuain e Pjanic non sono giocatori normali, di cui si può fare facilmente a meno.  Pogba? Un singolo non cambia la prospettiva. La società è avanti dieci anni rispetto alle concorrenti e Allegri è molto bravo sia tatticamente,  sia a gestire il gruppo”, sottolinea Sacchi intervistato dal ‘Corriere della Sera’.

Poche quindi le speranze per le rivali. : “Solo la regina può perdere il suo trono. Però le altre devono farsi trovare pronte attraverso il gioco. Il gioco viene prima dei giocatori e aiuta a migliorarli. Un po’ come nel cinema: per fare un bel film la trama conta più degli attori. Giovannona Coscialunga, tanto per citare un film a caso,  non sarebbe diventato un cult neppure con Robert De Niro”.

Sacchi non nasconde l’importanza della perdita di Higuain per il Napoli: “La squadra, facendo la somma dei valori tecnici, non ha speranze. Ma per fortuna il calcio non è aritmetica e Sarri è davvero molto bravo: alle capacità tattiche di chi studia e lavora sul campo, abbina la genialità. Tu guardi una partita del Napoli e capisci subito chi è l’allenatore. Questo vale anche per Spalletti. Squadre con uno stile ben identificabile,  come lo sono quelle di Guardiola. Dunque la griglia di partenza, a mio avviso,  vede la Juve in pole position, poi  la Roma,  quindil’ Inter ed il Napoli, a pari merito”. Ha concluso l’ ex allenatore della nazionale.

Commenti