Higuain mai profeta in patria

La nazionale argentina capitanata da Leo Messi ha battuto la Colombia per 3 a 0, compiendo un  grosso balzo in avanti verso  le qualificazioni ai Mondiali del 2018. Assoluto protagonista del match, “tanto per cambiare, ” il solito  Messi che ha sbloccato il risultato con una punizione strepitosa all’incrocio, poi due assist vincenti per i compagni. La seconda rete reca  la firma di Pratto.

Ha chiuso, infine  la gara Di Maria. Gonzalo Higuain, invece, è entrato, solo  nel finale della partita ma la reazione del pubblico è stata impietosa. Il Pipita, infatti,  è stato accolto da una selva di fischi e da tanti insulti. In patria il neo juventino  continua a non essere amato dopo i tanti errori commessi  nelle gare più importanti. Higuain non si aspettava un trattamento simile, la peggiore delle umiliazioni per un calciatore che, all’estero è considerato un grande calciatore, mentre  in patria, come recita un famoso proverbio,  non è mai stato profeta, anzi rappresenta  una delle cause principali dei mancati trionfi della nazionale argentina.

Commenti

Questo articolo è stato letto 388 volte