Inter, Pioli perde Medel: fuori almeno un mese

Inter, Pioli perde Medel: fuori almeno un meseMedel lascia il campo dopo l’infortunio (agf) MILANO – L’esito dell’esame medico a cui è stato sottoposto in mattinata Gary Medel ha spazzato via ogni speranza che, per il nerazzurro, si trattasse solo di una distorsione al ginocchio. Infatti, il giocatore, infortunatosi nel derby di domenica sera per un contrasto con De Sciglio, ha riportato una lesione del menisco laterale del ginocchio destro. In queste ore lo staff medico interista sta decidendo quale via scegliere per il recupero del calciatore. Che, in ogni caso, dovrà osservare uno stop di almeno un mese. In attesa di conoscere se per Medel sarà utilizzata una terapia conservativa o un intervento in artroscopia, è ipotizzabile un suo rientro in occasione di Inter-Lazio del 21 dicembre, anche se la sensazione è che il sudamericano tornerà, più probabilmente, dopo la sosta natalizia: nel 2017. Intanto, attraverso il suo profilo twitter, il nerazzurro cinguetta: “Quando hai toccato il fondo, devi dimostrare che era solo un modo per prendere meglio lo slancio per risalire”.

Il kappaò del centrocampista ha fatto sfumare sul nascere anche l’idea del tecnico Pioli di utilizzare il cileno in difesa, come già gioca nella sua nazionale. Nel post derby è stato proprio lo stesso allenatore a confermare che Medel in difesa è qualcosa di più di un prova estemporanea. “Non è un esperimento quello di Gary centrale, ci può permettere di costruire l’azione da dietro. Insisteremo in quel ruolo perché ha le caratteristiche giuste”, ha sottolineato Pioli, che per la sfida di Europa League di giovedì contro l’Hapoel Beer Sheva in Israele, oltre ai giocatori esclusi dalla lista Uefa tra cui Kondogbia e Joao Mario, si ritrova a dover fare a meno anche del cileno. Una faccenda antipatica per il tecnico che per la sua seconda sulla panchina dell’Inter, la prima in coppa, dovrà dare dimostrazioni di aver fatto fare alla squadre ulteriori passi avanti. 

Inter

serie a
Protagonisti:
gary medel

Fonte: Repubblica

Commenti