Sassuolo, Di Francesco lancia Berardi: “Da due anni è pronto per una grande”

Sassuolo, Di Francesco lancia Berardi: "Da due anni è pronto per una grande"Berardi in azione durante la sfida con il Palermo (ansa) SASSUOLO – E’ il gioiellino del suo Sassuolo e quindi Eusebio Di Francesco si tiene ben stretto Domenico Berardi, il cui rientro – vedi il 4-1 di ieri al Palermo – sembra aver ridato ossigeno alla formazione emiliana, fin qui ben lontana da quella che ha stupito tutti nella scorsa stagione. “Berardi è un giocatore già pronto da due anni per una grande squadra – sottolinea il tecnico degli emiliani, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Anch’io Sport’ su RadioUno – ma un po’ per scelta sua, un po’ per il forte legame nei miei confronti, è rimasto con noi. Conosco bene il valore di Domenico, l’ho cresciuto io, so quello che vale. Alcuni parlano di un ragazzo particolare che non si allena bene, poi le voci sull’infortunio, non capisco da dove vengono queste assurdità. Ma è un ragazzo eccezionale, che fuori dal campo fa una vita da professionista di altissimo livello, con una maturità che credo nessuno possa avere e con una grandissima personalità”.

SASSUOLO-PALERMO: I GOL / LE PAGELLE

DI FRANCESCO: “STAGIONE SEGNATA DA INFORTUNI MA STIAMO RECUPERANDO”  – I neroverdi sono passati dalla lotta per l’Europa League a quella per non retrocedere, tuttavia ci sono tanti fattori da analizzare. “Siamo una società da poco in Serie A e che non è abituata a determinate competizioni e abbiamo avuto diverse vicissitudini come 8-9 infortunati – spiega Di Francesco -. Non sono tipo da cercare alibi ma se altri allenatori, quando gli mancano uno o due giocatori, parlano di assenze importanti e mercato, cosa dovremmo dire noi che siamo stati senza Berardi per 4 mesi, Duncan per tre mesi, Magnanelli due e tanti altri? Siamo stati sfortunati e anche un po’ impreparati perché non si possono perdere tre punti a tavolino – il riferimento allo 0-3 col Pescara – ma dobbiamo crescere tutti insieme anche attraverso questi errori. Sto ritrovando giocatori che vengono da infortuni e pian piano li rimetto. Ieri è rientrato Politano, ma per reintegrare questi giocatori ci vuole pazienza e tempo. Non parlerei di stagione difficile ma particolare, abbiamo fatto ottime gare in diverse partite ma a Cagliari, in dieci, stavamo dominando e poi abbiamo avuto un blackout di 10 minuti”.

“I GIOVANI CRESCONO: CONTINUEREMO A FAR COSE STRAORDINARIE” – A pesare sull’annata degli emiliani, 16esimi in classifica con 21 punti, sicuramente anche le energie spese nell’avventura di Europa League. “Se non si fa non si sbaglia, per migliorare si passa anche per certi errori – sottolinea il tecnico che ha portato per la prima volta il Sassuolo nella massima serie -. C’è stata un po’ di sfortuna negli infortuni. Se non puoi alternare tanti giocatori fai fatica. Paghiamo anche la gioventù di certi giocatori e il fatto che alcuni di essi arrivino da categorie inferiori. Non dimentichiamo che abbiamo ceduto Vrsaljko e Sansone e li abbiamo sostituti con Lirola, che viene dal campionato Primavera, e Ragusa, che giocava in serie B. Stanno crescendo come anche gli altri, abbiamo fatto in passato cose straordinarie e continueremo a farle”.

“FUTURO? ORA VOGLIAMO RIPRENDERE QUANTO LASCIATO PER STRADA” – Di Francesco, nonostante le difficoltà di questa stagione, resta un allenatore che fa gola a molte squadre. “Sono molto contento qua, dobbiamo crescere, ma siamo una società seria che sta lavorando per il futuro. Il mio futuro? Non lo so, sono tutte valutazioni da fare, ma per il futuro c’è tempo. Ora, però, dobbiamo guardare al presente, dobbiamo andare a riprenderci quanto lasciato per strada – conclude il tecnico degli emiliani – con buone prestazioni che non sono state accompagnate dai risultati”.
 

sassuolo calcio

serie A
calcio
Protagonisti:
eusebio di francesco
domenico berardi

Fonte: Repubblica

Commenti

Questo articolo è stato letto 89 volte