Messina, caos società: la protesta dei giocatori

L’avvicendamento ai vertici della società tra Stracuzzi e Proto ha subito una frenata: l’attuale proprietario avrebbe fissato dei limiti e chiesto una presenza nel Cda, ma il nuovo acquirente vuole il 100%. I giocatori di Cristiano Lucarelli saltano l’allenamento e si sono recati per protestare presso i cantieri del presidente dimissionario

E’ caos a Messina, squadra che partecipa al campionato di Lega Pro (Girone C) e che sembrava destinata ad un avvicendamento ai vertici tra Natale Stracuzzi, attuale proprietario, e Franco Proto. Nelle ultime ore, però c’è stata una frenata: Stracuzzi, presidente dimissionario, avrebbe chiesto una presenza nel consiglio di amministrazione, mentre il nuovo acquirente chiede il cento per cento, come sarebbe stato fissato negli accordi e come auspicato anche dai giocatori. Data l’instabilità e la situazone di stallo, la squadra allenata da Cristiano Lucarelli oggi ha scelto di scioperare: non ha effettuato l’allenamento allo stadio Celeste e si è diretta in forma di protesta verso i cantieri di proprietà dello stesso Stracuzzi. 

I fatti – Il 14 febbraio l’ormai ex presidente Stracuzzi aveva annunciato in conferenza la cessione dell’88% delle quote del Messina ad una cordata formata da imprenditori americani (e non solo) rappresentanti da Angelo Massone. Questa trattativa è poi saltata, fino all’arrivo di Proto, con il quale era stato predisposto un nuovo preliminare (quinto per l’esattezza nel 2017). Il nuovo atto era stato redatto dall’amministratore delegato Pietro Gugliotta per raggiungere l’accordo con il gruppo che fa riferimento all’imprenditore di Enna Franco Proto; quest’ultimo fin dal mese di maggio si era interessato al Messina. Poi il nuovo intoppo.

La situazone in campionato – Reduce dalla vittoria interna per 2-1 contro il Catanzaro, il Massina attualmente è 14° in classifica, a 2 punti di playout. Nella prossima giornata il calendario prevede la sfida in casa della Paganese (scontro diretto per tenere a distanza la zona rossa) e la tresferta, dopo i fatti odierni, appare un affare piuttosto complicato.

Fonte: SkySport

Commenti