Palermo, Baccaglini: “Se ho i soldi? Tranquilli”

Baccaglini, Palermo (Getty)

“I soldi ci sono” – “Io sarò un presidente presente, ma mai invadente. Voglio entusiasmare la gente, parlare con loro e cercare dei canali alternativi per municare. Se ho i solidi? Ce li ho, è tranquillo Zamparini, sono tranquilli gli altri, potete stare tranquilli anche voi. So che ogni novità è accolta con ansia e sorpresa, ma sono convinto che chi mi ha criticato tornerà sui suoi passi”, esordisce così Paul Baccaglini, nuovo presidente del Palermo nel post partita della sfida persa con la Roma al Barbera. “Innanzitutto ho il grande piacere di dire il mio primo luogo comune in diretta tv: ‘nel calcio il risultato’ è beffardo. Ho visto dei ragazzi veramente determinati, prima di venire qui sono passato dagli spogliatoi ed ho visto il grande dispiacere nei loro occhi, nessuno di loro è rassegnato o ha gettato la spugna. Il calcio è fatto di episodi, io vedo tanti segnali incoraggianti e l’entusiasmo del pubblico che piano piano continua a ritornare e questo è il modo migliore per ribaltare un anno difficile”, le parole di Baccaglini.

Il presidente del Palermo poi aggiunge: “Chi me l’ha fatto fare ad inziare questa avventura? Beh, ogni dubbio che potevo avere è sparito dopo una settimana. La gente di Palermo è strepitosa: tutti danno tanto, ma nessuno chiede nulla. I tifosi vogliono solo divertirsi allo stadio. Poi chiaramente abbiamo dei progetti di marketing che renderanno il Palermo Calcio un brand importante, investire qui vale la pena”. Baccaglini poi prosegue: “Il futuro di Lopez? Gli diamo tutto l’appoggio per finire la stagione, poi valuteremo step by step: in questo momento posso dire che sicuramente questo sarò il gruppo che finirà la stagione, poi valuteremo il progetto. Il gol annullato al Palermo? Se fosse successo nel football americano si sarebbero fermati a verificare che la decisione presa fosse corretta, ma questo e’ il calcio. A fine aprile confermo che la societàsarà al cento per cento mia”.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 266 volte