Mertens, compleanno da sogno: doppietta e assist

NAPOLI-CAGLIARI 3-1

2′ e 49′ Mertens (N), 67′ Insigne (N), 92′ Farias (C)

Due gol nel giorno del suo 30° compleanno, per arrivare a quota 24 in campionato, 30 (come gli anni che ha compiuto) se si contano anche le coppe. A tre gare dal termine, Dries Mertens proverà a tagliare il traguardo dei 30 gol in Serie A. L’impresa impossibile è resa possibile da uno che continua ad essere denominato falso nueve ma che i numeri definiscono un attaccante puro. Il belga, che a inizio stagione faticava a trovare il posto da titolare, è senza dubbio l’uomo che ha fatto la differenza in questa annata del Napoli. E grazie a lui la squadra di Sarri sorpassa momentaneamente la Roma in classifica portandosi al secondo posto, che garantisce la partecipazione alla Champions League senza preliminari. 

Gol e assist, è il Mertens day

Il Napoli affronta un Cagliari già salvo, ma non può permettersi di sottovalutare l’avversario perché l’obiettivo è quello di sorpassare la Roma e non sono ammessi passi falsi. Squalificato Koulibaly, al suo posto c’è Chiriches. A centrocampo invece Sarri sceglie Zielinski, che esordì in Serie A proprio contro il Cagliari (nel dicembre 2012, quando era all’Udinese). Con il polacco ci sono Hamsik e Jorginho. Restano fuori Allan e Rog. Davanti, il solito trio.
Pronti via, il San Paolo può subito esultare perché Ghoulam mette in mezzo un pallone per Mertens che spegne la prima candelina. Il gol del vantaggio è la premessa a un assedio che dura un tempo, ed è strano che le squadre vadano all’intervallo sull’1-0 perché tra lo stesso Mertens, Hamsik e Zielinski si contano almeno 4 ghiotte occasioni da gol. 
Il raddoppio dei padroni di casa però arriva soltanto nella ripresa, ancora con il belga, che diventa a tutti gli effetti una bestia nera per i sardi. Tripletta all’andata, doppietta al ritorno: Mertens ha segnato cinque dei suoi 24 gol al Cagliari. Contro la formazione di Rastelli va vicino alla sua prima rete in questo campionato anche Albiol, che al 20′ del secondo tempo colpisce la traversa. 
La prestazione di Mertens però non si ferma ai gol. Poco prima della metà del secondo tempo è lui a servire l’assist a Insigne, che cala il tris.
A un quarto d’ora dal 90° Sarri concede al suo “vero nove” la standing ovation del San Paolo facendo entrare Milik. Per i padroni di casa entra anche Giaccherini, ma nei minuti di recupero è un cambio di Giampaolo a cambiare il tabellino: il Cagliari trova infatti la rete del definitivo 3-1 con Farias, al 92′.

Fonte: SkySport

Commenti