Sampdoria, ancora a parte Quagliarella

Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria (LaPresse)

L’attaccante, come Falcone e Palombo è stato sottoposto a terapie, fisioterapia e lavori specifici tra campo e palestra. Viviano è stato dimesso da Villa Stuart e ha fatto capolino a Bogliasco. Domani seduta mattutina a porte chiuse

Il report da Bogliasco

Mancano tre giorni all’ultimo impegno delle squadre di Serie A in questo campionato, anche in casa Sampdoria prosegue la preparazione al prossimo match – che si giocherà domenica alle 15 alla Dacia Arena contro l’Udinese. Al Mugnaini di Bogliasco l’allenatore Marco Giampaolo e il suo staff tecnico hanno giocato i calciatori blucerchiati nella loro marcia di preparazione alla partita. Il gruppo, dunque, ha svolto nel pomeriggio un allenamento a base di esercitazioni tecnico-tattiche e una partitella a tema. Alla seduta hanno partecipato il rientrante in gruppo Bartosz Bereszynski e i Primavera Pietro Cavagnaro, Jacopo Cioce, Titas Krapikas e Andrea Tessiore. Per quanto riguarda gli altri calciatori con qualche problema fisico, ancora assenti Lucas Torreira – che ha svolto un individuale precauzionale di scarico e Fabio Quagliarella. Quest’ultimo, al pari di Wladimiro Falcone e di Angelo Palombo, è stato sottoposto a terapie, fisioterapia e lavori specifici tra campo e palestra. Le loro condizioni verranno valutate meglio nelle prossime ore.

Domani allenamento mattutino a porte chiuse

Inoltre, Emiliano Viviano è stato dimesso da Villa Stuart, dove era stato operato nei giorni scorsi per risolvere i suoi problemi al ginocchio. Il portiere si è rivisto a Bogliasco, al termine della seduta. Per la giornata di domani, venerdì, è in agenda una razione mattutina a porte chiuse. Non solo allenamento, in casa Samp è tornato anche l’appuntamento con “Impariamo allo stadio”. Un’iniziativa che ha così raggiunto la tredicesima edizione con l’intento di promuovere tra i più piccoli “i valori fondanti del calcio, dell’educazione e del fair play – scrive la società blucerchiata – il tutto attraverso un tour del Luigi Ferraris realizzato in collaborazione con la sezione AIA di Genova e il Sampdoria Club Vigili Urbani”.

Le parole di Alvarez, ospite di un’iniziativa speciale

“Tribuna, panchina, spogliatoi, sala stampa e ritorno in tribuna, questa volta in compagnia di un calciatore. Ogni angolo dello stadio di Marassi, anche quelli normalmente celati agli occhi dei tifosi è stato al centro della visita guidata riservata ai ragazzi delle scuole elementari genovesi”. Con un ospite speciale, Ricky Alvarez: “I bambini vivono lo sport con lo spirito giusto – ha detto il trequartista – quello orientato al divertimento che non bisognerebbe perdere mai. Vedere il loro entusiasmo mi fa tornare indietro a quando cominciavo ad avvicinarmi al mondo del calcio”.

Fonte: SkySport

Commenti