ESCLUSIVA PA- CARNEVALE: “IL CALENDARIO DEL NAPOLI INIZIA BENE, MA NON DEVE SBAGLIARE CON LE PICCOLE. MERET…”

In esclusiva su Pianetazzurro.it è intervenuto l’ex attaccante del Napoli, Andrea Carnevale, attuale dirigente dell’Udinese calcio.

Andrea, un tuo commento sul calendario del Napoli: esordio a Verona e chiusura contro il Crotone; ma la quarta e quinta giornata offrono il derby con il Benevento e l’incontro con la Lazio. All’ottava si gioca contro Roma. La giornata successiva, invece, c’è l’impegno con l’Inter, mentre  Napoli- Milan si gioca alla tredicesima  e con la Juve alla quindicesima.

“La partenza è ottima. Bisogna dire che contro queste piccole squadre il Napoli ha sempre toppato. Chiaramente deve fare frutto delle esperienze avute lo scorso anno. Avendo un anno in più di esperienza, quest’anno deve affrontare le piccole come se fossero delle top player”.

La quarta giornata offre questo il derby con il Benevento. Un tuo giudizio?

“Bella gara, il Benevento si è mosso anche molto bene sul mercato.  Io dico sempre una cosa: quest’anno c’è sempre la Juve che resta la squadra da battere. Ancora la vedo protagonista, il Napoli è vicino ma non deve fallire le prime partite. La squadra c’è e ci sono grandi campioni. Quest’anno deve partire in maniera spedita. I presupposti per fare bene ci sono tutti, c’è un grande allenatore, alcuni calciatori stanno venendo fuori ma, ripeto, è importante non fallire con le piccole”.

Andrea ci puoi dare un giudizio su Ounas. Dalle prime gare  si è visto un calciatore molto veloce e con un buon dribbling.

“E’ forte, è un ragazzo che abbiamo seguito anche noi con l’Udinese. Oltre ad avere talento ha anche una grande forza sulle gambe. Credo che il Napoli abbia fatto un gande acquisto”.

La vicenda  Reina come la vedi?

Reina è un grande portiere,  posso dire che è un calciatore straordinario. E’ un punto fermo e  lo dice anche Sarri”.

Se ti dico: Meret il prossimo anno a Napoli?

Posso solo dire che Meret è un portiere che ho cresciuto io dal settore giovanile dell’Udinese, ha grandi potenzialità e mi ricorda un po’ Handanovic. E’ il portiere del futuro. Meret diventerà non forte, ma fortissimo”.

Il Napoli è sempre interessato?

“Si, ma non c’è solo il Napoli, è un ragazzo che interessa in Italia e in Europa, è arrivato in Nazionale maggiore, ha fisico e una grande tecnica. Io spero che vada in una squadra di serie A, che poi sia il Napoli  non lo so”.

Quest’anno non ci saranno movimenti per lui?

“Non credo perché l’Udinese gli ha fatto firmare un contratto fino al 2022. Credo che lo presti perché ha bisogno di giocare. La Spal punta molto su di lui. Quest’anno vedremo tutte le sue potenzialità”

Un commento sul Milan che sta spendendo tantissimo. Spendere non vuol dire vincere, ma è un club che ritornerà alla grande.

“Intanto sta comprando dei bei giocatori che io conosco, cifre un po’ esagerate, mi sembra un mercato un po’ pazzo, ma il Milan sta facendo delle cose serie. Come hai giustamente detto, spendere non significa vincere. Ci vuole tempo ma sarà protagonista insieme alla Roma e all’Inter. Mi sembra un po’ di rivedere quei campionati di quando si parlava delle sette sorelle. Stiamo ritornando a quei livelli e questo fa piacere.  Rivedremo un campionato più avvincente”.

Commenti

Questo articolo è stato letto 2026 volte

avatar

Claudio Donato

Claudio Donato, giornalista-pubblicista. Al suo attivo già diverse collaborazioni con varie testate giornalistiche.