Sarri: “se io sono il Ministro dell’Economia, Spalletti allora è il Ministro della Difesa”

Nel corso del programma “Serie A Live” in onda su Premium Sport, l’allenatore del Napoli Maurizio Sarri dichiara: “Handanovic è straordinario, forse il più forte portiere del mondo in questo momento, ma in generale abbiamo trovato di fronte un’intera squadra molto solida. Sono soddisfatto di quello che ha fatto il Napoli: avere il 75% di supremazia territoriale senza concedere tanto agli avversari sono segnali che il match l’abbiamo giocato su buoni livelli. Dal punto di vista delle palle gol sono due punti persi, ma se continuiamo con questo genere di prestazioni sarà difficile non fare risultato pieno. Insigne? Ieri il ragazzo non sentiva dolore e abbiamo deciso di rischiarlo. Ci sono anche alcune situazioni in cui non siamo stati tanto lucidi e su questo aspetto dobbiamo migliorare, specialmente quando un compagno che ha la palla può far segnare un altro compagno che è in posizione migliore. Più motivazioni in Europa o in Italia? La mia sensazione è che questa squadra sia più motivata in Serie A: è bellissimo fare la Champions e qualcosa dal punto di vista delle energie qualcosa ci toglie, ma non ho visto cali oggi. Io potrei anche intervenire, ma se nella testa dei giocatori c’è la convinzione di essere più competitivi in campionato piuttosto che in coppa è difficile far scattare l molla. Forse inconsciamente i giocatori pensano che in coppa non si possa arrivare in fondo e in campionato sì. La mia protesta con Irrati? Ci sono forme di razzismo che vengono tutelate e a noi, quando ci gridano ‘terroni’ oppure ‘Vesuvio lavali col fuoco’ non ci viene concessa la stessa tutela: questo mi fa arrabbiare. Spalletti mi ha definito Ministro dell’Economia? Allora lui è il Ministro della Difesa.”

Commenti

Questo articolo è stato letto 1115 volte