Malagò: “No a braccio di ferro con Lega. Vegas? Non tifo per nessuno”

ROMA – Il nuovo ciclo per il calcio italiano potrebbe iniziare già da oggi quando la Lega calcio di serie A, riunitasi a Milano, inizierà a discutere sul futuro presidente. Le dimissioni di Tavecchio hanno dato una scossa definitiva a un movimento giù in declino e nelle ultime ore si è fatto largo la candidatura di Giuseppe Vegas, attuale numero uno della Consob ed ex vice-ministro dell’economia e delle finanze del governo Berlusconi. Ad osservare con particolare interesse l’intera vicenda è il presidente del Coni Giovanni Malagò. “Non conosco Vegas – ammette ai microfoni di Radio Capital -, non so dare un giudizio e comunque non lo darei. Io non tifo per nessuno, non ho nessun nome”.

NO A BRACCIO DI FERRO –   Poi la stoccata: “Penso che sia relativamente poco serio che si possano proporre delle persone di qualità, impegnate in altri ruoli – le parole di Malagò -, senza la sicurezza che abbiano 14 voti in Lega. In ogni caso se il calcio, in modo giusto o sbagliato, ma comunque legittimo, tira fuori questi nomi, Tavecchio convocherà le elezioni ed entro novanta giorni si avrà il nuovo presidente”. Malagò ha, però, poi tenuto a sottolineare che “la situazione del calcio non è semplice, mi sembra sotto gli occhi di tutti. E’ una situazione particolarmente atipica, anomala. Noi siamo pronti a dare una mano se necessario: mi sembra un’ipotesi costruttiva, ma questo discorso va preso nel modo giusto, perché io non ho alcuna intenzione di fare un braccio di ferro. Anche perché il calcio è fondamentale, ma c’è altro nella vita”.

Figc, Malagò: “Non posso commissariare, sono deluso. Ma aspettiamo la Lega A” Fonte: Repubblica.it

Commenti