Milan, lo staff di Gattuso: vice l’amico Riccio

Da Perugia al Milan, storia di un legame lungo 20 anni

Un rapporto che va oltre il calcio. Amicizia sincera, legame fraterno. Complicità nata a Perugia, dove Gattuso e Riccio si sono incontrati giovanissimi prima di trasferirsi entrambi in Scozia, ai Glasgow Rangers, nel 1997. Da lì un susseguirsi di emozioni sempre condivise, anche se il calcio li ha portati a percorrere strade diverse. Dopo la partenza di Gattuso verso la Salernitana (prima di trascorrere il resto della carriera in mezzo al campo con la maglia del Milan), nel 1999 Riccio ha fatto un’altra esperienza all’estero, al Beveren – in Belgio –, prima di fare rientro in Italia per vestire le maglie di Pistoiese, Ternana e Ancona. Nel 2002 il passaggio al Piacenza, club del quale è diventato capitano e bandiera, poi il trasferimento al Sassuolo nel 2009, dove due anni più tardi ha chiuso la carriera. Nel frattempo il rapporto con l’amico Gattuso è rimasto strettissimo, rafforzato anche da elementi extracalcistici. Riccio ha infatti fatto da padrino di battesimo alla figlia di ‘Ringhio’, Gabriela, mentre il nuovo allenatore del Milan ha battezzato il secondogenito dell’amico, Lorenzo. Smessi per entrambi i panni da calciatore ecco la nuova vita insieme: sin dalla prima esperienza in panchina, Gattuso ha voluto Riccio al suo fianco come vice. Esperienze condivise alla guida di Sion, Palermo, OFI Creta e Pisa, club con il quale i due hanno conquistato la promozione in Serie B. Insieme anche sulla panchina della Primavera del Milan, adesso per i due amici la grande occasione alla guida della prima squadra rossonera.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 728 volte