Sarri: “Juve, Inter e Roma più forti di noi”

Il Napoli si arrende per la prima volta in stagione. Al San Paolo non riesce agli azzurri l’allungo sulla Juventus: il possibile +7 in classifica, dopo la rete decisiva dell’ex Higuain (e l’esultanza fa discutere…) si tramuta in un -1 che rimette tutto in discussione. Così Maurizio Sarri al termine della gara: “Inutile piangersi addosso, dobbiamo far bene con questi calciatori. I tre là davanti non sono brillantissimi, è il neo della buona prestazione nostra. Il predominio territoriale di oggi è superiore a quello avuto contro il Benevento, se avanti avessimo avuto la brillantezza di venti giorni fa sarebbe finita diversmente. Noi stanchi? Non penso, altrimenti non avremmo chiuso la Juve nella sua area così a lungo. Abbiamo macinato gioco, ma siamo meno brillanti. Il problema è che non riusciamo a tramutare in gol la nostra supremazia”. Coperta corta per gli azzurri: “Non abbiamo molti ricambi davanti: Insigne ha un problema da quando è rientrato dalla sosta nazionale, un’infiammazione fastidiosa. Non stava bene, ma vista la situazione in campo avere tiratori da fuori come Zielinski e Insigne poteva essere importante. L’ho tenuto dentro qualche minuto in più per questo motivo. Era in difficoltà, ma mi serviva il tiratore. Mertens dovrebbe rifiatare un po’”. La Juventus, con questo 1-0, si riporta a -1: “Inter, Roma, Juve sono tutte squadre nettamente più forti di noi. Chi parla di un Napoli favorito per lo scudetto sbaglia: qui lavoriamo solo tanto e sodo, il resto non conta”.

Fonte: SkySport

Commenti