Italia ’90, notti magiche e Vicini-mania

Ci sono delle squadre a cui vuoi bene, delle persone a cui ti affezioni, come se fossero dei parenti lontani da rivedere ogni tanto. Ecco, la nazionale italiana del 1990 va postata in quell’album di famiglia. Le figurine: Zenga, Bergomi, Maldini, Ferri, Baresi e poi Ancelotti, Giannini, Berti, Donadoni oppure Baggio, Vialli, Schillaci, Serena. Anche gli avversari sembravano disegnati in un fumetto: dalla Colombia di Higuita e Valderrama, al Camerun sorpresa, la Jugoslavia intrisa di genio, l’Olanda di Gullit e Van Basten, Gascoigne e Lineker o il solito Brasile. Per non parlare dei tedeschi o del numero 10 argentino. Poi c’erano gli omini da collezionare, quei pupazzetti che ritiravi dal benzinaio con le caricature dei giocatori, che erano una rappresentazione tangibile degli azzurri che entravano fisicamente nelle nostre case.

Fonte: SkySport

Commenti