Milan, Gattuso resterà allenatore: più di un’idea

Siamo a febbraio, è vero, ogni discorso sul futuro del Milan è prematuro. Che si tratti di vicende societarie o di scelte tecniche, insomma, si viaggia nel campo delle ipotesi. Ma c’è una certezza: il lavoro di Gennaro Gattuso alla guida della squadra rossonera è particolarmente apprezzato. Le frasi pronunciate dal ds del Milan Massimiliano Mirabelli (“Mi auguro che possa restare 10 anni”), non sono di circostanza. L’idea di un Gattuso traghettatore all’indomani dell’esonero di Montella sta pian piano svanendo. Al netto di ribaltoni societari, la permanenza in rossonero dell’ex centrocampista dipenderà esclusivamente dai risultati. Ma due dati parlano, in senso assoluto, in favore di Gattuso: 1- l’allenatore ha conquistato tutti con il suo modo di essere, i giocatori soprattutto attraverso la sua metodologia negli allenamenti, specialmente grazie alle sue capacità di leadership che, in breve tempo, hanno riproposto il Milan su risultati accettabili; 2- Gattuso ha conquistato anche la dirigenza del club. Non solo Fassone e Mirabelli ma anche Han Li che è molto coinvolto in questo nuovo progetto.

Dunque alla domanda che ci si pone, ovvero se Gattuso sarà l’allenatore del Milan nella prossima stagione, si può già rispondere con tutti i distinguo del caso. Vero che si è a febbraio, vero che molto dipenderà dalla situazione societaria, ma la sensazione netta è che non ci saranno preclusioni nell’ipotesi di confermare l’attuale allenatore alla guida della squadra per la prossima stagione. A tal proposito occorre ricordare che Gattuso ha un contratto in scadenza al 30 giugno 2019 e nel caso fosse riconfermato lo stesso accordo potrebbe essere adeguato e/o prolungato. Tutto questo dare un significato profondo, dopo le parole di Mirabelli, alla stima di cui gode l’allenatore all’interno del club, inteso come squadra e società. Il futuro dipenderà dai risultati che riuscirà ad ottenere.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 589 volte