Ibra: “Volevano un po’ di Zlatan, gliel’ho dato”

Dall’Ajax allo United, quanti esordi da sogno

Quello con la maglia dei Los Angeles Galaxy è soltanto l’ultimo esordio da sogno di Zlatan Ibrahimovic con una nuova squadra. Come affermato dallo stesso svedese in conferenza stampa, già in passato la prima apparizione ufficiale con una nuova maglia era stata bagnata dal gol. Se in MLS a Ibra sono serviti soltanto 6 minuti di gioco per mandare in visibilio il pubblico con un gol pazzesco, l’attaccante aveva fatto meglio ancora ai tempi dell’Ajax: al debutto in Eredivisie, il 26 agosto 2001, Ibrahimovic aveva impiegato appena 4 minuti per andare in rete. Alla prima apparizione in Serie A con la maglia della Juventus, il 12 settembre 2004, Ibra era invece andato a segno dopo 23’, mentre aveva impiegato quasi tutta la gara (in gol dopo 82’) per mettere la firma sull’esordio in Liga con la maglia del Barcellona il 31 agosto 2009. Stesso minuti, 64, quelli serviti per timbrare gli esordi in Ligue 1 con il Paris Saint Germain, l’11 agosto 2012, e in Premier League con la maglia del Manchester United, il 14 agosto 2016. Non solo i campionati nazionali, Ibrahimovic in passato era già stato decisivo alla prima apparizione ufficiale con i nuovi club anche nelle competizioni europee. Con l’Ajax era accaduto nell’allora Coppa UEFA, il 20 settembre 2001 (in gol dopo 4’), in Champions League, il 17 settembre 2002 (rete dopo 12’) e nei preliminari di Champions, il 27 agosto 2003, quando aveva impiegato un quarto d’ora per regalare una gioia alla squadra olandese. A segno anche alla prima europea con il Manchester United, in Europa League, il 29 settembre 2016: rete dopo 69 minuti.

Fonte: Sky

Commenti