Chiellini: “Possiamo fare qualcosa di grande”

L’amarezza per la sconfitta di Cardiff ancora presente: “Perdere la fine è doloroso, certo, ma è molto positivo giocarci”; poi un messaggio chiaro che da Torino arriva fino a Madrid: “Quest’anno abbiamo la convinzione di essere in grado di fare qualcosa di grande, di eccezionale”, firmato Giorgio Chiellini. Il difensore della Juventus parla così in un’intervista al Mundo Deportivo alla vigilia della sfida di Champions contro il Real Madrid: “Gli spagnoli sono sempre favoriti. Manchester City e Bayern stanno bene, ma il Real e il Barça hanno qualcosa in più. In Europa si andrà verso una Super Lega ci vorranno 10, 20 o 30 anni, ma arriverà. Con tutto il rispetto per le squadre più piccole, i tifosi della Juventus vogliono sempre vedere sfide contro il Real Madrid, lo United, il Barcellona, il PSG e le altre grandi d’Europa. Immagina una domenica con una Juve-Madrid, un City-Barça e un Atlético-Liverpool?”, ha dichiarato il difensore della Juventus.

“Sergio Ramos è il miglior centrale al mondo”

Chiellini che martedì sera avrà il difficile compito di provare a fermare CR7: “Cristiano Ronaldo ha cambiato il suo modo di giocare negli ultimi due anni. La sua forza deriva dal voler essere il migliore in ogni momento, mentre di Messi dico che ha una velocità brutale a partire da fermo. È irraggiungibile”, le parole del calciatore bianconero. Che elogia uno dei simboli del Real Madrid, Sergio Ramos: “Io non avrò mai la sua stessa qualità tecnica o la sua esplosività, è il miglior difensore centrale del mondo e sa come si giocano le partite fondamentali, quelle che contano davvero. In Spagna poi c’è anche Piqué, che è stato molto fortunata a crescere al fianco di Puyol”, ha ammesso Chiellini.

“Italia? Oggi siamo inferiori rispetto a Francia, Spagna e Germania”

Dalla sfida di Champions contro il Real Madrid, alla delusione per la mancata qualificazione al prossimo Mondiale con la Nazionale azzurra: “Non dobbiamo copiare i modelli di altre Nazioni, ma adattarli. Spero che ci siano tanti talenti nella prossima generazione, ma oggi dobbiamo essere umili e ammettere che siamo al di sotto rispetto a Francia, Spagna o Germania nazioni che adesso stanno a livello Europeo. La Juventus ad esempio non giocherà mai come il Real Madrid o l’Italia come la Spagna, ma dobbiamo imparare alcune cose”, ha concluso Chiellini.

Fonte: SkySport

Commenti