Caos in casa Sporting, sospesi 19 calciatori

La replica del presidente

Dopo una notte di riflessione, la risposta del presidente dello Sporting non si è fatta attendere. Bruno de Carvalho infatti, non gradendo la presa di posizione dei propri giocatori, ha deciso di sospendere tutti coloro che hanno osato lamentarsi dopo le sue parole. “Ne ho abbastanza di bambini viziati che non rispettano niente e nessuno – le parole del presidente – Questi bambini viziati pensano di andare lontano, ma questa volta la mia pazienza si è esaurita nei confronti di chi crede di essere più importante del club e di qualsiasi critica”. Secondo quanto riferito dai media portoghesi, la lista dei sospesi è lunghissima e comprende il capitano Rui Patricio, William Carvalho, Coates, Coentrao, Gelson, Piccini, Wendel, Rúben Ribeiro, Doumbia, Bruno César, Podence, Palhinha, Leao, Acuña, Battaglia, Bryan Ruiz, Bruno Fernandes, Montero e Ristovski. Una situazione paradossale che rischia di compromettere anche la prossima partita di campionato, visto che lo Sporting dovrà affrontare il Paços de Ferreira al momento con diciannove giocatori in meno in rosa.

Fonte: SkySport

Commenti