Kahn: “Buffon? Con ritiro evitava Svezia e Real”

Capire quando è arrivato il momento di dire basta, per un grande campione una scelta sempre difficile. Soprattutto se la testa ha ancora fame di vittorie e il fisico in qualche modo continua a darti una mano. Le variabili, in questo tipo di decisioni, sono tante e molte volte assolutamente personali, differenti da calciatore a calciatore. C’è chi si è fermato all’apice, chi ha voluto continuare nonostante le difficoltà evidenti oppure chi, come Gigi Buffon, dimostra ancora di poter dire la sua e ha (o meglio forse aveva) ancora un sogno da realizzare. La Champions, ovviamente, sfumata proprio all’ultimo secondo di una partita che la sua Juve aveva dominato anche grazie alle sue decisive parate. Non proprio roba da vecchietti che dovrebbero stare in poltrona. Poi quell’epilogo maledetto, col rigore fischiato da Olivier e la conseguente espulsione. 

Fonte: Sky

Commenti