Baldissoni: Cessioni possibili per crescere ancora

In corsa per qualificarsi ancora in Champions League, un contesto in cui la Roma si è dimostrata all’altezza e con grandissimi meriti. L’impresa col Barcellona e quella sfiorata col Liverpool hanno dato una nuova consapevolezza alla squadra, come ha voluto sottolineare anche il direttore generale dei giallorossi, Mauro Baldissoni, nell’intervista esclusiva concessa a Sky Sport.

C’è rammarico per come si è concluso il cammino in Champions League?
“Ci mancherebbe che non ci sia rammarico: quando ci si gioca fino all’ultimo minuto una semifinale di Champions bisogna pensare di poter arrivare in finale. Sicuramente il Liverpool ha fatto un grande partita d’andata ma era una squadra alla portata. Non va ignorato il percorso della squadra, ci rimane una grande consapevolezza: abbiamo come impegno e obiettivo quello di portare la Roma ad essere tra le grandi d’Europa. È ambizioso ma il presidente ha sempre usato il termine ‘Champions League team’. Ciò che abbiamo visto in questa edizione costituisce una pietra miliare del nostro percorso, sarà il nostro nuovo punto di partenza: la consapevolezza di poter giocare certe partite non da vittime sacrificali ma da protagonisti che meritano di accedere al turno successivo.

Che tipo di atmosfera ha avvertito in città?
“I risultati aiutano a leggere e riconoscere il lavoro che si fa, e se si raggiungono certi obiettivi vuol dire che il lavoro è stato eccellente. Ritengo che i tifosi possano riconoscere alla società un certo impegno. Ho sempre avvertito molto rispetto, in questo senso, è ovvio che ora ci sia più entusiasmo. In città c’è la necessità di sciogliere questa patina di non poter raggiungere ciò che si sogna e forse pian piano stiamo cominciando a capire che ci sono obiettivi che sono alla nostra portata”.

Fonte: SkySport

Commenti