Sarri: “Nella vita tutto finisce”

Maurizio Sarri apre all’addio al Napoli dopo la vittoria sul Crotone. Ecco le dichiarazioni del tecnico azzurro a Premium Sport.
“Da quando ci sono i 3 punti chi ha superato quota 90 ha sempre vinto lo scudetto. Questo ci dà la dimensione di quanto fatto da un gruppo che è migliorato tanto raggiungendo il record di punti per il club. Quando sono arrivato il Napoli aveva chiuso a 24 lunghezze dalla Juve, quest’anno li abbiamo tenuti sulla corda fino alla penultima giornata chiudendo a -4. La voglia di lavorare dei giocatori è stata straordinaria, il pubblico ci aiutato tanto perché ha capito che i ragazzi hanno dato tutto”.
“L’affetto dei tifosi è tutto ma nella vita tutto finisce e a volte è meglio far finire le storie fino a quando sono belle. Questa comunque è una cosa che valuteremo nei prossimi giorni e devo riflettere anche con la mia famiglia”.
“Oggi ho pensato a chiudere bene la stagione, dopo la sconfitta a Firenze negli spogliatoi ci siamo detti che dovevamo chiudere oltre i 90 punti.  Il gruppo è rimasto solido dopo aver perso l’obiettivo più importante. Il presidente è stato paziente finora eavrà una risposta in tempi estremamente rapidi”.
“Adl ha detto che il tempo è scaduto? Siamo nel recupero. Quando risponderò? Chi mi forza in questi giorni si sentirà dire no. Se andranno via dei giocatori è chiaro che bisognerà a prire un nuovo ciclo e ho la sensazione che in caso di cessioni non arriveranno calciatori dal Barcellona, ci vorrà pazienza e questo deve essere chiaro fin da subito”. 
“Nel mio cuore comunque resta l’amore per la città, per questo pubblico, c’era già prima perchè ho allenato la squadra per la quale facevo il tifo da bambino, e non passerà più. Rimarrà l’esperienza della mia vita. Vediamo se c’è la possibilità di allenarla ancora“.
“Via dall’Italia? Non penso che potrei andare in un’altra squadra italiana immediatamente, il ricordo di Napoli sarebbe troppo forte” ha aggiunto poi Sarri a Sky.

Mediaset.it

Commenti