Diritti tv: non passa la risoluzione di Mediapro. Assemblea di Lega rinviata a lunedì

MILANO – Come ieri, nell’assemblea della Lega Serie A non è passata la delibera sulla risoluzione del contratto con Mediapro. Solo 10 dei 15 club presenti hanno votato sì (ieri lo avevano fatto in 11) e 5 si sono astenuti (tra cui il Genoa che aveva votato a favore). Il Chievo e la Lazio non hanno partecipato allo scrutinio: non è stato raggiunto il quorum di 12.

È passata la linea del presidente della Lazio Claudio Lotito (che non era in assemblea), con il rinvio a lunedì. Dopo la votazione, scuri in volto, hanno lasciato la sede della Lega il presidente designato, Gaetano Micciché e il commissario, Giovanni Malagò.

MediaPro, l’intermediario spagnolo che si è aggiudicato i diritti tv del campionato per il triennio 2018/2021 per 1,05 miliardi di euro, ieri non ha presentato la fideiussione prevista da 1,2 miliardi proponendo una ulteriore garanzia di 200 milioni, cosa che ha fatto irritare i club e gli stessi vertici della Lega.

Fonte: Repubblica.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 176 volte