Perugia, parla Nesta tra passato e presente

Secondo giorno di allenamento per il Perugia di Alessandro Nesta, la squadra umbra prepara la gara dei playoff che si giocherà domenica 3 giugno contro il Venezia di Filippo Inzaghi. Dopo qualche giorno di riposo l’allenatore aveva ritrovato i suoi ragazzi nella giornata di ieri, quando era iniziata la settimana di preparazione che porterà i biancorossi ad affrontare la sfida delle ore 21 allo stadio Penzo e valevole per il turno preliminare dei Playoff. Questo è il programma che la squadra seguirà da domani fino alla sfida di domenica. “Mercoledì 30 maggio allenamento ore 10:30; giovedì 31 maggio allenamento ore 10:30 e a seguire partenza per ritiro; venerdì 1 giugno allenamento ore 10:30; sabato 2 giugno allenamento ore 10:30; domenica 3 giugno Venezia-Perugia, ore 21”. Nella mattinata di domani è quindi in programma una nuova seduta di lavoro mentre nelle scorse ore a parlare è stato anche il nuovo allenatore biancorosso, Alessandro Nesta, ai microfoni di Sky Sport.

La guida tecnica del Perugia ha toccato numerosi argomenti, dall’obiettivo promozione all’annata delle sue ex squadra nell’ultima Serie A come il Milan e la Lazio. Queste le sue dichiarazioni: “Sono contento per Gattuso che ha fatto benissimo su un panchina così importante come quella dei rossoneri – ha detto – finalmente ha dato stabilità al Milan. Dare continuità con un tecnico è la cosa più importante per una squadra e per i suoi calciatori. Il Milan cinese? Lo scorso anno ha fatto un mercato importantissimo, vediamo cosa accadrà ora in questa sessione che sta per iniziare. I tanti ex Milan oggi allenatori? Eravamo un gruppo competitivo e non riesci a smettere di esserlo. Per quanto riguarda la Lazio posso dire che ha fatto una grande stagione e un gran mercato, poi con Inzaghi ha trovato il tecnico giusto. Chi sceglierei se Milan e Lazio mi chiamassero in contemporanea? Domanda brutta… (ride Nesta) io faccio il mio percorso e poi vediamo che succede”, ha concluso l’allenatore.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 180 volte