Bari, ricorso respinto. Il playoff a Cittadella

Galano ritrovato, mina vagante ‘Citta’?

Equilibrio nel rendimento del girone di ritorno (33 e 34 punti), d’altronde le due avversarie hanno chiuso in ascesa la regular season: 8 gare utili per Venturato, solo un ko da aprile invece per Grosso. Numeri pressoché identici pure nello score stagionale (48 reti incassate a testa, 61 e 59 i gol segnati a favore dei granata) a ribadire l’unica lunghezza di margine in classifica alla bandiera a scacchi prima del verdetto del Tribunale. Attenzione a Galano e Floro Flores con 2 centri segnati in passato ai playoff, meglio dell’ex Iunco e Nené a segno una sola volta. Un’altra vecchia conoscenza è Busellato, prodotto del vivaio del Cittadella. Chi sono i goleador in squadra? Galano ha ritoccato a 14 le reti in stagione dopo cinque mesi a digiuno, Kouamé è invece l’unico in doppia cifra per Venturato che tuttavia dispone di Iori e Schenetti, centrocampisti a quota 9 gol.

Venezia-Perugia, meglio Inzaghi o Nesta?

Quarto accesso ai playoff per il Perugia finalista nella stagione 2004/05 contro il Torino, debutto assoluto invece per il neopromosso Venezia. La storia degli spareggi promozione premia eccome Diamanti, 3 gol segnati in passato ed esperienza in dote per Nesta esordiente nell’ultima giornata ad Empoli (ko per 2-1). Decisamente più esteso il curriculum in panchina di Super Pippo in Laguna dal 2016, una promozione all’attivo in B e un ottimo 5° posto finale. Eccezion fatta per gli ultimi 180’ a rilento, i veneti hanno inanellato 5 vittorie di fila e vantano la terza migliore difesa del torneo: 42 le reti concesse, quasi un paradosso per un allenatore che in carriera ha realizzato la bellezza di 316 gol totali. Da un mese a questa parte il Perugia ha invece frenato con 3 pareggi e altrettanti stop.

Fattore Penzo, Di Carmine il jolly?

Venezia in vantaggio negli scontri diretti in stagione: 1-0 in casa grazie a Garofalo, poi l’1-1 ad aprile al Curi con le firme di Modolo e Buonaiuto. Se Inzaghi perde Frey per squalifica, il rendimento nel 2018 al Penzo non ammette repliche: 9 vittorie in 11 gare casalinghe con solo 6 gol al passivo, nient’altro che un bunker sulla strada dei playoff. In realtà il saldo nel 2018 premia entrambe le avversarie con 38 e 36 punti oltre a 5 ko incassati a testa. Decisamente più vulnerabile la difesa umbra, tuttavia Nesta dispone del tandem Di Carmine-Cerri mai così prolifico in carriera: 22 e 15 i centri a referto, coppia a confronto con la solida difesa di Inzaghi. Veneti privi di un bomber in doppia cifra eppure esaltati da una cooperativa del gol con 16 marcatori diversi, ennesimo fiore all’occhiello dei padroni di casa da non trascurare in chiave Serie A.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 595 volte