Errori Karius, spunta l’alibi: trauma cranico

Loris Karius è senza dubbio il protagonista in negativo dell’ultima finale di Champions League. I suoi errori macroscopici contro il Real Madrid hanno di fatto consegnato la Coppa alla squadra di Zidane. Negli occhi di tutto il mondo sono ancora vive le immagini del portiere del Liverpool che piange di fronte ai propri tifosi, provando a chiedere scusa per le due “papere” che hanno portato al gol di Benzema al 51’ e alla rete di Bale all’83’. Ma adesso c’è un nuovo retroscena che rischia di creare altri rimpianti nel pubblico dei Reds. Karius è stato sottoposto negli Stati Uniti a un esame cerebrale, per via di un trauma cranico che il portiere ha subito dopo un colpo involontario di Sergio Ramos. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Van Dijk è entrato in contatto con Sergio Ramos, provocando la caduta del difensore. Lo spagnolo, nel cadere, ha colpito con il gomito la testa di Karius, che è rimasto a terra stordito per qualche secondo. Dopo questo episodio, il portiere del Liverpool ha provocato due gol con altrettanti errori. Adesso lo staff medico sembra intenzionato a indicare come causa delle leggerezze del proprio portiere una presunta commozione cerebrale subita nell’impatto con Sergio Ramos. Tornato in Inghilterra dopo la finale persa, Karius è volato negli Stati Uniti per una vacanza e per svolgere un esame da un importante medico. Nel corso di questo controllo, è emersa la novità della commozione cerebrale che potrebbe spiegare in parte il perché di due errori così clamorosi. Karius si è sottoposto a questo esame al Massachusetts General Hospital di Boston, su indicazione del Liverpool. Lo specialista in questione si chiama dottor Ross Zafonte, ed è un luminare nel guarire i giocatori di football americano in caso di trauma cranico.

Fonte: SkySport

Commenti

Questo articolo è stato letto 672 volte