Balo: “18 anni da non italiano è stato ingiusto”

Un tema che è ritornato prepotente anche nel calcio, in particolare dopo quello striscione a sfondo razzista esposto a San Gallo durante Italia-Francia e stigmatizzato da Mario Balotelli attraverso il suo profilo Instagram. E proprio SuperMario è intervenuto a Torino alla presentazione del libro di Alessandro Alciato “Demoni”: “Brutto avere la cittadinanza solo a 18 anni, da giovane è stato difficile non essere riconosciuto come italiano – ha spiegato Balo – Sono nato e cresciuto in Italia e non sono mai stato in Africa purtroppo. Non sono un politico, ma penso che la legge debba essere cambiata. Mi sento di lanciare un appello per questo”.

“Nella mia vita ci sono stati tanti razzisti, anche ignoranza e paura del diverso – ha spiegato ancora-Quando ero più piccolo la vedevo in maniera differente, era molto difficile. C’erano cose che ancora non capivo e che ora so: piano piano si può cambiare, non è facile”.

“Dove andrò a giocare? All’avvocato Rigo (collaboratore di Raiola, ndr) ho detto che lo sa Salvini dove giocherò… – Balo scherza – Davvero non so dove andrò a giocare, se in Italia o all’estero. Torino mi piace, è una bella città. Come prenderebbero i tifosi del Nizza un mio passaggio al Marsiglia? Non lo so…”.

Fonte: SkySport

Commenti