Leonardo LIVE: “Nessun mercato folle. Bonucci…”

Dopo l’annuncio ufficiale del Milan che lo ha accolto come nuovo direttore generale dell’area tecnico-sportiva, Leonardo si presenta in conferenza stampa. Il brasiliano, che sta già portando avanti alcune trattative, torna a ricoprire una carica dirigenziale dopo l’esperienza al Paris Saint-Germain e la parentesi in panchina in Turchia, all’Antalyaspor. Le sue parole, in diretta.

Le prime sensazioni

“Avrò un ruolo legato alla squadra, all’idea sportiva e alla squadra. Ho accettato la proposta per l’interesse molto grande che c’è verso il calcio da parte di gente giovane e capace. Sono felice per come mi hanno scelto, hanno scelto me per realizzare ciò che loro vogliono. Ci sono tante cose da capire e da mettere in pratica: è un inizio, ci sarà bisogno di tempo. Rientrare qui dopo 9 anni e incontrare le persone che non vedevo da allora… Solo per questo ne è valsa la pena”.

Asse con la Juve e questione Bonucci

“Ho incontrato altre persone, non solo la Juve. Era un obbligo, per ricucire i rapporti con tutti. Siamo legati al financial fairplay, è evidente. Non sarà un mercato folle, ma saggio e intelligente, moderato. Per quanto sarà possibile fare. Bonucci? Il tutto parte da un suo desiderio, se ci sarà la possibilità di realizzarlo lo faremo, ma dovrà essere molto interessante per tutti. La sua è stata un’idea, da lì è partito il parlare e il vedere se sarà possibile con la Juve”.

La reazione dei tifosi del Milan, che lo etichettano come traditore

“Li capisco perfettamente, li rispetto. Forse è legato anche ad un passato insieme positivo, i sentimenti ci sono stati”.

La più grande sfida dal punto di vista professionale?

“Una definizione non così distante dalla realtà. Qui c’è un pezzo della mia vita, Milano è dove sono diventato adulto. Realizzare qualcosa nella mia seconda casa è forse la mia sfida più grande, sì. Ma non la vedo come una cosa personale, sebbene tocchi la mia vita e la mia storia”.

Sul valore della rosa attuale del Milan

“Con tutti questi cambi di proprietà è normale che la squadra subisca questi cambiamenti. Il Milan è abituato a lottare per lo scudetto, ma nella seconda parte dello scorso campionato la squadra ha fatto bene. Però ci sono situazioni che dobbiamo risolvere, i giocatori che hanno giocato meno e che giocheranno meno, usciranno”.

Il Milan può permettersi giocatori come Higuain o Morata?

“Dipende dalle situazioni. Siamo legati ai segnali dell’UEFA, non penso che sarà possibile fare in questa prima finestra di mercato fare il grande investimento o il grande colpo. La situazione attuale non ci aiuta”.

Futuro al primo posto

“Un orgoglio essere stato scelto dal Milan, mi ha toccato profondamente. Mi è passato un film in testa, questo è un grande privilegio: al primo posto però metto il futuro, non il passato”.

Offerte per Donnarumma-Reina?

“Non sono ancora arrivate. Ma è una coppia equilibrata, abbiamo un portiere di grande proiezione come Donnarumma e un giocatore che ha fatto tutto nella sua carriera, ha 36 anni, porta equilibrio e bravura nello spogliatoio. Gattuso può gestire questo equilibrio, ne abbiamo già parlato. Non so se arriveranno offerte, ho già iniziato a parlare con gli agenti, ma rispetto a loro due non c’è niente fino ad ora”.

La posizione di Gattuso

“Il mio punto di vista è quello dalla società, Gattuso è stato il primo ad essere confermato, questo non si è mai discusso. E’ normale che se allenatori importanti sono liberi succedono queste cose, ma nessuno ha parlato con Conte. Gattuso è cresciuto come allenatore, è un uomo di Milan e così partiremo”.

Su un eventuale ritorno di Paolo Maldini

Fonte: SkySport

Commenti