L’anno zero del Real: Lopetegui sa solo vincere

Nove punti in classifica alla sosta, bottino immacolato per vittorie (tre su tre) e score realizzativo con 10 gol segnati e solo 2 concessi. Per carità, i primissimi esami nella Liga contro Getafe e Leganés al Bernabeu, intervallati dalla trasferta sul campo del Girona, non riservavano scontri delicati come l’impegno a Bilbao il prossimo 15 settembre tra le mura dell’Athletic. Non va tuttavia trascurato il nuovo corso del Real Madrid affidato a Julen Lopetegui, ex Ct della Spagna che concede temporaneamente a Luis Enrique 6 gioielli (Isco, Asensio, Sergio Ramos, Carvajal, Nacho, Ceballos) e osserva il percorso netto tracciato in campionato. Consegnata agli almanacchi l’era di Zinedine Zidane in panchina e di Cristiano Ronaldo in attacco, stagioni memorabili con tre Champions League di fila ad iscrivere i Blancos nella leggenda. La recente attualità del rinnovato Real ha piuttosto registrato lo stop in Supercoppa Europea contro l’Atletico e un mercato segnato dagli affari Courtois e Odriozola, Vinícius e Mariano Díaz. Troppo poco, probabilmente, per bilanciare l’addio di CR7 destinato alla Juventus. Da qui i malumori della tifoseria e le troppe perplessità legate ad un gruppo orfano dei suoi leader. Eppure il Real targato Lopetegui sta macinando solo conferme nella Liga.

Fonte: Sky

Commenti

Questo articolo è stato letto 157 volte