Processo Mamic, Lovren rischia 5 anni di carcere

Un caso che coinvolge proprio Modric e il compagno di nazionale Lovren, sui quali penderebbe l’accusa di falsa testimonianza nel processo come si scrive dall’Inghilterra. Già interrogato dai giudici sulla vicenda, la stella del Real Madrid nonché candidato al Pallone d’Oro si sarebbe contraddetto: Luka avrebbe infatti cambiato ricostruzione, sostenendo di “non ricordare” le clausole del contratto, quanto basta per le autorità croate che a marzo avrebbero chiesto una condanna di cinque anni di carcere da scontare in patria. Una situazione complessa, dettata dalla percentuale che Mamic doveva versare a Modric sulla vendita del proprio cartellino. Lui come Lovren, anch’egli svezzato nel florido vivaio della Dinamo Zagabria e ceduto nel 2010 al Lione: l’ex proprietario avrebbe intascato la metà (5 milioni) della somma sborsata dai francesi. Il procuratore della contea di Osjek avrebbe quindi aperto un fascicolo riguardante il nazionale croato, anch’egli accusato di falsa testimonianza. Il giocatore si è affrettato a negare il caso attraverso un post su Instagram, appello alla vicenda che attualmente non gli preclude la carriera. “Questo è semplicemente ingiusto e non sportivo – ha scritto il difensore croato -, agire su di me e sulla mia famiglia è estremamente discriminatorio. Sono innocente, non ho commesso alcun reato penale. Sono orgoglioso della mia vita, di ogni passo della mia vita, di tutto ciò che io e la mia famiglia abbiamo creato”. Saranno i nuovi sviluppi dell’episodio, in attesa di un’udienza che il giudice deve ancora fissare, a chiarire il futuro di Lovren e ovviamente di Modric.

Fonte: Sky

Commenti